Spandiconcime Kverneland

2015: come cambierà il reddito delle aziende cerealicole

2015: come cambierà il reddito delle aziende cerealicole

I cereali sono una delle produzioni chiave dell’Italia agricola e tutti si chiedono quali effetti avrà la nuova Pac, che da quest’anno entrerà in vigore con il nuovo valore dei titoli e con l’introduzione del greening, il quale comporta la diversificazione colturale per le aziende con una superficie a seminativo superiore ai 10 ha e la destinazione del 5% ad aree ecologiche se la superficie a seminativo supera i 15 ettari.

Il Centro interuniversitario di contabilità agricolo e forestale (Contagraf) ha svolto una simulazione per quantificare l’impatto della Pac sul reddito aziendale a seconda della superficie investita, delle colture seminate e dell’areale di coltivazione.

Area padano-veneta

Azienda con 10 ettari a mais. Reddito 2014 = 680 euro/ha. Reddito 2015 = 547 euro/ha. Totale –19,60%.

Azienda con 15 ettari a mais. Reddito 2014 = 680 euro/ha. Nel 2015 oltre al mais deve inserire il frumento (prezzo 19 euro/ql) su 3,5 ettari. Reddito 2015 = 493 euro/ha. Totale –27,46%.

Azienda con 30 ettari a mais. Reddito 2014 = 680 euro/ha. Nel 2015 oltre al mais deve inserire il frumento su 6 ha e deve mettere a risposo 1,5 ha per rispettare le regole del greening. Reddito 2015 = 482,75 euro/ha. Totale –29%.

Prezzo considerato per il mais: 18 euro/ql. Si sono ipotizzate rese del mais di 110 ql/ha di granella e rese del frumento di 85 ql/ha. Il pagamento di base Pac 2015 è stato calcolato sulla media di 244 euro/ha, mentre il greening sulla media di 73 euro/ha. Il costo di produzione del mais è stato calcolato pari a 1750 euro/ha e quello del frumento pari a 1650 euro/ha.
 

Area Umbria

Azienda con 10 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Reddito 2015 = 517 euro/ha. Totale –7%.

Azienda con 15 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Nel 2015, oltre al frumento, per rispettare la diversificazione inserisce il girasole (prezzo 28,5 euro/ql) su 3,75 ha. Reddito 2015 = 478 euro/ha. Totale –14%.

Azienda con 30 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano tenero, inserisce il girasole e 1,5 ha sono destinati ad area ecologica. Reddito 2015 = 473 euro/ha. Totale –15%.

Azienda con 40 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano tenero, introduce su 6 ha il girasole e su 2 ha fa set aside che vale anche come terza coltura, che sarebbe obbligatoria quando si ha più di 30 ha a seminativo. Reddito 2015 = 472 euro/ha. Totale –15%.

Prezzo considerato per il grano tenero: 20,6 euro/ql. Si sono ipotizzate rese del grano di 70 ql/ha e del girasole di 30 ql/ha. Il pagamento di base Pac 2015 è stato calcolato sulla base di 275 euro/ha. Il costo di produzione del grano tenero è stato calcolato pari a 1200 euro/ha e quello del girasole pari a 850 euro/ha.
 

Area Lazio

Azienda con 10 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 537 euro/ha. Nel 2015 il reddito è di 554 euro/ha. Totale +3%.

Azienda con 15 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 485 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano duro che è la coltura principale, inserisce come coltura secondaria l’orzo (prezzo 18 euro/ql) su 3,75 ha. Reddito 2015 = 466 euro/ha. Totale –3,92%.

Azienda con 30 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 485 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano duro su 21,375 ha, semina orzo su 7,125 ha e lascia a set aside 1,5 ha. Reddito 2015 = 453 euro/ha. Totale –6,5%.

Azienda con 40 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 485 euro/ha. Nel 2015, oltre a 30 ha di grano duro, semina orzo su 8 ha e lascia a risposo come area ecologica 2 ha di terreno. Reddito 2015 = 459 euro/ha. Totale –5,4%.

Prezzo considerato per il grano duro: 26 euro/ql. Si sono ipotizzate rese del grano duro di 36 ql/ha e rese dell’orzo di 44 ql/ha. Il costo di produzione del grano duro è stato calcolato sulla base di 770 euro/ha e per l’orzo di 720 euro/ha; mentre il costo del set aside è stato stimato in 75 euro/ha. Il pagamento Pac 2015 è stato calcolato sulla base di 286 euro/ha.
 

Dall’esame dei numeri emerge come la cerealicoltura della pianura padana risulti la più penalizzata dalla nuova Pac.

Grano tenero

Grano tenero in Umbria: con la nuova Pac, redditi in calo fino al -15%.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
pac 2015pagamenti pac

Articoli correlati

Pac: aumentano i sostegni per barbabietola, riso e frumento duro, ma calano i titoli

Ogni tanto arriva una buona notizia, di cui devono tener conto gli agricoltori che stanno pensando ai piani di semina

Agricoltura: in tre anni di Pac usato solo il 4% delle risorse assegnate all’Italia

Su una dotazione complessiva sino al 2020 di 20,87 miliardi di euro per i 21 Piani di sviluppo rurale regionali e

Diversificazione colture, Efa e azotofissatrici: un esempio pratico per chiarire i dubbi degli agricoltori

Continuano a giungere in redazione le domande degli agricoltori sul greening previsto dalla Pac, in merito alle superfici da destinare alle

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*