2015: come cambierà il reddito delle aziende cerealicole

2015: come cambierà il reddito delle aziende cerealicole

I cereali sono una delle produzioni chiave dell’Italia agricola e tutti si chiedono quali effetti avrà la nuova Pac, che da quest’anno entrerà in vigore con il nuovo valore dei titoli e con l’introduzione del greening, il quale comporta la diversificazione colturale per le aziende con una superficie a seminativo superiore ai 10 ha e la destinazione del 5% ad aree ecologiche se la superficie a seminativo supera i 15 ettari.

Il Centro interuniversitario di contabilità agricolo e forestale (Contagraf) ha svolto una simulazione per quantificare l’impatto della Pac sul reddito aziendale a seconda della superficie investita, delle colture seminate e dell’areale di coltivazione.

Area padano-veneta

Azienda con 10 ettari a mais. Reddito 2014 = 680 euro/ha. Reddito 2015 = 547 euro/ha. Totale –19,60%.

Azienda con 15 ettari a mais. Reddito 2014 = 680 euro/ha. Nel 2015 oltre al mais deve inserire il frumento (prezzo 19 euro/ql) su 3,5 ettari. Reddito 2015 = 493 euro/ha. Totale –27,46%.

Azienda con 30 ettari a mais. Reddito 2014 = 680 euro/ha. Nel 2015 oltre al mais deve inserire il frumento su 6 ha e deve mettere a risposo 1,5 ha per rispettare le regole del greening. Reddito 2015 = 482,75 euro/ha. Totale –29%.

Prezzo considerato per il mais: 18 euro/ql. Si sono ipotizzate rese del mais di 110 ql/ha di granella e rese del frumento di 85 ql/ha. Il pagamento di base Pac 2015 è stato calcolato sulla media di 244 euro/ha, mentre il greening sulla media di 73 euro/ha. Il costo di produzione del mais è stato calcolato pari a 1750 euro/ha e quello del frumento pari a 1650 euro/ha.
 

Area Umbria

Azienda con 10 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Reddito 2015 = 517 euro/ha. Totale –7%.

Azienda con 15 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Nel 2015, oltre al frumento, per rispettare la diversificazione inserisce il girasole (prezzo 28,5 euro/ql) su 3,75 ha. Reddito 2015 = 478 euro/ha. Totale –14%.

Azienda con 30 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano tenero, inserisce il girasole e 1,5 ha sono destinati ad area ecologica. Reddito 2015 = 473 euro/ha. Totale –15%.

Azienda con 40 ettari a grano tenero. Reddito 2014 = 558 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano tenero, introduce su 6 ha il girasole e su 2 ha fa set aside che vale anche come terza coltura, che sarebbe obbligatoria quando si ha più di 30 ha a seminativo. Reddito 2015 = 472 euro/ha. Totale –15%.

Prezzo considerato per il grano tenero: 20,6 euro/ql. Si sono ipotizzate rese del grano di 70 ql/ha e del girasole di 30 ql/ha. Il pagamento di base Pac 2015 è stato calcolato sulla base di 275 euro/ha. Il costo di produzione del grano tenero è stato calcolato pari a 1200 euro/ha e quello del girasole pari a 850 euro/ha.
 

Area Lazio

Azienda con 10 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 537 euro/ha. Nel 2015 il reddito è di 554 euro/ha. Totale +3%.

Azienda con 15 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 485 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano duro che è la coltura principale, inserisce come coltura secondaria l’orzo (prezzo 18 euro/ql) su 3,75 ha. Reddito 2015 = 466 euro/ha. Totale –3,92%.

Azienda con 30 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 485 euro/ha. Nel 2015, oltre al grano duro su 21,375 ha, semina orzo su 7,125 ha e lascia a set aside 1,5 ha. Reddito 2015 = 453 euro/ha. Totale –6,5%.

Azienda con 40 ettari a grano duro. Reddito 2014 = 485 euro/ha. Nel 2015, oltre a 30 ha di grano duro, semina orzo su 8 ha e lascia a risposo come area ecologica 2 ha di terreno. Reddito 2015 = 459 euro/ha. Totale –5,4%.

Prezzo considerato per il grano duro: 26 euro/ql. Si sono ipotizzate rese del grano duro di 36 ql/ha e rese dell’orzo di 44 ql/ha. Il costo di produzione del grano duro è stato calcolato sulla base di 770 euro/ha e per l’orzo di 720 euro/ha; mentre il costo del set aside è stato stimato in 75 euro/ha. Il pagamento Pac 2015 è stato calcolato sulla base di 286 euro/ha.
 

Dall’esame dei numeri emerge come la cerealicoltura della pianura padana risulti la più penalizzata dalla nuova Pac.

Grano tenero

Grano tenero in Umbria: con la nuova Pac, redditi in calo fino al -15%.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
pac 2015pagamenti pac

Articoli correlati

Corteva, il nuovo marchio agricolo nato dalla fusione di tre giganti

Tante innovazioni in arrivo per un progresso sostenibile in agricoltura. Lo promette Corteva, nuovo marchio nato dalla fusione di tre

Nuovi impianti di vite da vino: le richieste in Italia superano di dieci volte la superficie autorizzata

Il primo anno di applicazione del nuovo regime di autorizzazione agli impianti di vigneti ha provocato una vera e propria

Glifosate salvo: rinnovata autorizzazione alla vendita per altri 5 anni (grazie alla Germania)

Mentre nelle precedenti riunioni la Germania si era sempre astenuta, nell’ultima riunione europea – quella decisiva per concedere o meno

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*