Spandiconcime Kverneland

Agricoltura di precisione, una nuova frontiera: le mappe di resistività dei suoli

Agricoltura di precisione, una nuova frontiera: le mappe di resistività dei suoli

Tradizionalmente in agricoltura i campi sono gestiti in maniera uniforme, ovvero ogni zona del campo riceve la stessa quantità di fertilizzante, antiparassitario, diserbante, acqua e seme, senza tener conto delle esigenze della coltura che variano a seconda di come varia il suolo all’interno del campo stesso. Raramente i campi sono omogenei; al contrario è frequente rilevare all’interno di uno stesso campo forti variazioni di qualità e resa dei prodotti.

Il concetto di variabilità

Il concetto di variabilità rappresenta il principio sui cui si basa l’agricoltura di precisione, cioè quella tecnica di gestione differenziata dei fattori colturali all’interno dei campi che tiene conto delle effettive esigenze della pianta in base alle caratteristiche biofisiche e chimiche del suolo.

Il punto di partenza per l’agricoltura di precisione è quindi la conoscenza della variabilità in campo.

Le mappe di resa non bastano

L’adozione di questa tecnica parte in genere dalle mappe di resa; tuttavia i fattori che determinano una variazione di risposta produttiva della coltura sono differenti, e avere informazioni riguardo alla variabilità delle caratteristiche geo-pedologiche fornisce un’informazione molto precisa e di pratica utilità.

L’analisi della resistività con questa attrezzatura permette di iniziare il percorso dell’agricoltura di precisione, in quanto fa capire all’agricoltore in quali zone il terreno è più argilloso e in quali è invece sabbioso o di medio impasto.

L’analisi della resistività con questa attrezzatura permette di iniziare il percorso dell’agricoltura di precisione, in quanto fa capire all’agricoltore in quali zone il terreno è più argilloso e in quali è invece sabbioso o di medio impasto.

Perché si misura la resistività elettrica

La misura della resistività elettrica o del suo inverso (la conducibilità elettrica) rappresenta ad oggi la tecnica più utilizzata per la caratterizzazione in maniera veloce e precisa delle caratteristiche di suolo.

Il risultato immediato di un’indagine di tipo elettrico è una mappa della superficie indagata con una scala colore di tipo arcobaleno, con i valori minimi indicati in blu e i valori massimi in rosso, corrispondenti al parametro misurato (resistività elettrica).

La misura della resistività elettrica, in assenza di condizioni di salinità, è correlata a proprietà come il contenuto in argilla e contenuto idrico, che sono tra i principali fattori in grado di influenzare la produzione delle colture.

Individuare zone uniformi di suolo

L’analisi di resistività permette quindi la suddivisione della superficie indagata in zone uniformi di suolo, consentendo di applicare le tecniche dell’agricoltura di precisione anche in assenza di dati di resa. Le zone uniformi sono normalmente sottoposte a campionamento e analisi fisico-chimiche per valutarne esattamente le potenzialità e le caratteristiche pedologiche.

La mappa realizzata con il metodo Arp suddivide l’appezzamento in diverse zone colorate. Le aree blu corrispondono a suoli più argillosi, mentre le rosse a suoli sabbiosi. La zona verde indica il medio impasto.

La mappa realizzata con il metodo Arp suddivide l’appezzamento in diverse zone colorate. Le aree blu corrispondono a suoli più argillosi, mentre le rosse a suoli sabbiosi. La zona verde indica il medio impasto.

Come leggere i dati di resistività

Le zone meno resistive, normalmente rappresentate in blu, sono le zone in cui il suolo si oppone meno al passaggio di corrente e corrispondono alle zone in cui il contenuto in argilla è più elevato e le riserve idriche e nutrizionali sono maggiori, ma anche maggiormente vulnerabili alla compattazione e al ristagno.

Le zone più resistive, per consuetudine indicate in rosso, al contrario presentano caratteristiche opposte alle precedenti all’interno del campo.

A chi rivolgersi

Soing (www.soing.eu – tel. 0586/426710) realizza la mappatura della variazione della resistività del suolo con il metodo ARP (brevetto europeo della Geocarta Sa) e la mappatura della vigoria fogliare con il sensore Greenseker. Entrambi i servizi sono gestiti e guidati grazie a una moto quad 4×4 attrezzata al meglio per eseguire le indagini.

La misura della resistività elettrica rappresenta ad oggi la tecnica più utilizzata per la caratterizzazione in maniera veloce e precisa delle caratteristiche di suolo.

La misura della resistività elettrica rappresenta ad oggi la tecnica più utilizzata per la caratterizzazione in maniera veloce e precisa delle caratteristiche di suolo.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura di precisioneSoing

Articoli correlati

1000 ettari, 3 colture, ammortamento in 5 anni: i benefici economici dell’agricoltura di precisione

Il progetto LIFE+Agricare, di cui abbiamo parlato in un recente articolo, ha analizzato i costi e i benefici dell’applicazione di

Novità 2018: anche la soia si semina a dose variabile. La nostra prova

Per il mais è una pratica già collaudata positivamente, ma la semina a dose variabile potrebbe riservare sorprese positive anche

Come risparmiare sul concime? Con lo spandimento intelligente a dose variabile

Quante volte gli agricoltori hanno fatto il calcolo dei sacconi di concime che occorrono per una determinata superficie e, alla

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*