Offerta Botte Kverneland

Avvicendamento, cover crops e terza coltura: occorre fare qualche modifica, in nome dell’agronomia

Avvicendamento, cover crops e terza coltura: occorre fare qualche modifica, in nome dell’agronomia

Alcuni giorni fa abbiamo raccolto le preoccupazioni di molti agricoltori lombardi alle prese con la nuova domanda Pac, che desiderano aderire alla misura M 10 che premia chi coltiva le cover crops o colture di copertura (vedi articolo). Qualche giorno dopo è arrivata anche la risposta dell’assessorato all’agricoltura della Regione Lombardia.

I casi pratici che giustificano le proteste degli agricoltori

Il motivo del disappunto nasce dall’analisi della seguente casistica:

  1. Se nella primavera 2016 ho seminato mais, soia o sorgo; dopo la loro raccolta semino una cover autunnale e l’anno seguente, cioè nel 2017, rimetto mais, soia o sorgo, la cover crop riceve il contributo.
  2. Se nel gennaio 2016 ho seminato grano, dopo la raccolta semino una cover crops e in autunno 2016 risemino grano, la cover riceve il contributo.
  3. Se nel 2016 raccolgo il grano seminato nel 2015 e semino una cover estiva e nell’autunno del 2016 semino triticale o frumento, la cover non riceve il constributo.
  4. Se nel 2016 raccolgo il frumento seminato nel 2015, semino un sorgo da insilato per la stalla e in autunno del 2016 semino la cover, questa non riceve il contributo.
  5. Se nella primavera 2016 semino mais da insilato, dopo la sua raccolta semino un sorgo da foraggio e in autunno semino la cover, questa non riceve il contributo.

Questo almeno ci risulta, fino a prova contraria.

Perché la cover crop deve risultare sempre la seconda coltura?

La morale pratica è che la cover crop riceve il contributo previsto dalla misura 10 del Psr solo se risulta la seconda coltura dopo quella principale, la quale però deve essere seminata nello stesso anno solare che va dal 1° gennaio al 31 dicembre.

Dal momento che la Regione Lombardia ha elaborato la misura 10 con le relative sottomisure in maniera molto completa e organica rispetto a quelle di altre realtà territoriali, interpretando la necessità di migliorare la fertilità fisica e chimica dei suoli, sarebbe opportuno che in vista del 2017 facesse tesoro delle osservazioni che provengono dal mondo agricolo, apportando qualche modifica all’impianto normativo.

Si tenga conto del ruolo centrale delle cover per l’agricoltura conservativa

Nella sua risposta l’assessorato sottolinea che la cover crop è un impegno accessorio, cioè l’agricoltore la può adottare se crede, e quindi non è obbligo. Ma bisogna tenere presente invece che se si vuole indirizzare l’agricoltore verso le lavorazioni conservative (sodo e minima lavorazione, compreso lo strip-till) – e la Regione Lombardia sembra molto decisa in questa senso – la semina della cover crop deve diventare un “obbligo agronomico”, considerati i tantissimi vantaggi che porta con sé – non ultimo quello di catturare in autunno e inverno l’azoto non utilizzato dalla coltura principale e che se ne andrebbe in falda. Per non parlare del miglioramento della struttura fisica del suolo, ideale e sinergica se si adottano le lavorazioni conservative, l’aumento di sostanza organica e del rifornimento di nutrimento per lombrichi e altri microrganismi.

Non ostacoliamo gli agricoltori, ma sosteniamoli verso l’innovazione

Dato che sappiamo bene come gli agricoltori siano poco propensi alle novità e soprattutto a spendere denaro per colture che considerano “a perdere”, anche se non lo sono affatto dal punto di vista agronomico, ecco che la Lombardia avrebbe ben più di un motivo per favorire con ogni mezzo l’accesso al contributo per chi semina cover crops. E invece succede il contrario, perché al momento ci sono troppi paletti che ostacolano la contribuzione della cover crops, che hanno sempre disco verde solo quando si fa una sola coltura nell’anno solare considerato dalla normativa.

È poco giustificabile il fatto che la cover non riceva il contributo se segue una coltura come il grano o il triticale seminato nel 2015 e raccolto nel 2016, e nemmeno se si semina nel 2016 una seconda coltura estiva, che è fondamentale per far quadrare i conti della stalla.

Il cambio di passo verso l’agricoltura conservativa al posto di arature ed erpicature comporta l’applicazione di un nuovo progetto agronomico e culturale (con la “u”di cultura) nella gestione dell’azienda, che non deve essere ostacolato da vincoli burocratici troppo stretti, altrimenti l’agricoltore scappa e torna al passato. Quindi è per questo che sollecitiamo, a nostra volta sollecitati dai nostri lettori, la Regione Lombardia ad ascoltare le nostre voci e a mettere in previsione modifiche ad alcuni capitoli della misura 10 per favorirne la massima adesione da parte degli agricoltori nel 2017 e anni seguenti.

Se ciò non accadrà, poi non lamentiamoci se a fine ciclo di questa Pac rimarranno dei soldi non spesi nelle casse regionali e nazionali. Nella maggior parte dei casi non è colpa degli agricoltori, bensì del “mal di burocrazia” delle nostre strutture che producono impianti normativi troppo complessi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
cover cropsPSR Lombardia

Articoli correlati

PAC 2014-2020, come cambiano i pagamenti diretti

Con la nuova PAC 2014-2020, i pagamenti diretti diminuiranno tra il 30% e il 40%. Questo significa che le imprese

Pac: se ho affittato terra e titoli nel 2012, oggi possiedo la terra, ma senza titoli

Si tratta di un caso assai frequente e quindi è bene fare un po’ di chiarezza. Se nel 2012 un

Pac e agricoltori attivi: la dichiarazione Iva e la partita Iva

  Il requisito di “agricoltore attivo” è una delle condizioni per avere l’assegnazione dei nuovi titoli Pac. L’agricoltore deve dimostrare

2 commenti

Scrivi un commento
  1. luca
    luca 6 settembre, 2016, 12:39

    Buongiorno Dott.Bartolini, rispetto a questa annosa tematica sono state date risposte risolutive? in un esempio di avvicendamento, cover crop invernale, mais trinciato precoce seguito da una coltura di sorgo ad esempio, l’imprenditore agricolo beneficierà degli aiuti? cordiali saluti luca

    Rispondi a questo commento
    • Nuovo Agricoltore
      Nuovo Agricoltore 7 settembre, 2016, 13:09

      Per quanto ne sappiamo non ci sono state modifiche alle normative in essere, quindi confermiamo quanto scritto nell’articolo: la cover beneficia di aiuto se viene coltivata nell’anno solare.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*