Azoto su mais: sostenibilità e rilascio graduale con Azotop 30 in copertura

Azoto su mais: sostenibilità e rilascio graduale con Azotop 30 in copertura

Le piogge di metà maggio sono state le benvenute per attivare l’azoto in copertura distribuito sul mais della Kverneland Academy 2020 nell’azienda Valentini Luigi di Roncoferraro (MN) (vedi articoli precedenti).

La tramoggia dello spandiconcime Kverneland Exacta TL GEOSPREAD viene caricata con Azotop 30 di Scam.

Il concime prescelto è l’Azotop 30 di SCAM, distribuito con 3 dose diverse dallo spandiconcime Kverneland Exacta TL GEOSPREAD, sulla base della mappa di prescrizione elaborata con Agrisoing.

Come si vede dalla mappa, sono state impostate tre dosi differenti di azoto: 450, 500 e 600 kg/ha in base ad alcune caratteristiche chimiche del terreno emerse dalla mappatura del suolo effettuata da Agrisoing.

La mappa dell’azoto totale (mappa 1) evidenzia una maggiore dotazione di azoto al cento dell’appezzamento e nella parte alta a destra, ed è per questo che in queste zone è stata distribuita la dose più bassa pari a 450 kg/ha di azoto.

Mappa 1 – Azoto totale.

L’analisi chimica sitospecifica ha evidenziato anche una piccola area sulla sinistra che mostra un valore molto basso di carbonio organico (mappa 2) accompagnato da un rapporto C/N altrettanto basso (mappa 3). È in questa zona che si è distribuita la dose massima di azoto pari a 600 kg/ha.

Mappa 2 – Carbonio organico.

Mappa 3 – Rapporto C/N.

 

Un concime azotato molto speciale

Azotop 30 di Scam si caratterizza per l’elevato titolo in azoto organo-minerale, a progressiva disponibilità biologica, ideale per garantire una nutrizione azotata pronta e graduale. Ciò è possibile grazie alla specifica reazione nella fase formulativa che incorpora, in modo stabile all’interno della matrice organica altamente umificata, le forme azotate.

La presenza di sostanze umiche favorisce l’assimilazione dei nutrienti grazie anche all’azione di tipo biochimico sullo sviluppo dell’attività radicale.

Con Azotop 30 è possibile impostare la concimazione azotata a basso impatto ambientale, potendo concentrare gli interventi e utilizzare la sua elevatissima efficienza ed il graduale rilascio, così da evitare fenomeni di inquinamento delle acque e l’accumulo di nitrati nei raccolti.

Azotop 30 è arricchito con zinco, microelemento essenziale per i processi biochimici della pianta, per prevenire l’insorgenza di potenziali stati di carenza.

La presenza di “Zolfumato” consente di creare nel terreno un microambiente ideale per il miglior utilizzo dell’azoto e la riattivazione delle forme inutilizzabili di microelementi, garantendo così l’ottimale formazione di aminoacidi e di proteine, con un miglioramento della produzione finale

Il marchio di sostenibilità ambientale di Azotop 30 di Scam.

La presenza di sostanze umiche permette alla pianta di attivare il fertilizzante in tutti i momenti di necessità, aumentando l’efficienza nutrizionale e diminuendo le perdite di fertilizzante nell’ambiente.

Gli organo-minerali Scam hanno la Dichiarazione ambientale di prodotto (EPD) certificata, utile per una maggiore valorizzazione delle filiere agroindustriali di qualità.

Nelle foto che seguono possiamo vedere l’ottimo sviluppo del mais DKC 6092 di Dekalb in tutte e tre le tesi di confronto. In questo stadio è stata effettuata la concimazione azotata di copertura.

Mais su terreno arato ed erpicato.

Mais su minima lavorazione effettuata con Kverneland CTC.

Mais su strip-till effettuato con Kverneland Kultistrip.

fonte: Kverneland Group Italia

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
Kverneland Group Academy

Articoli correlati

Mais, il compromesso per difendersi dalla diabrotica e dalla piralide

Un danno ben evidente all’apparato radicale con allettamenti delle piante e mancata fecondazione della spiga, sono gli effetti procurati dalla

Diserbo mais: perché scegliere l’intervento di pre-emergenza con gli erbicidi residuali

Sul mais, per combattere le principali infestanti, la maggior parte dei bravi agricoltori si orienta sulla prevenzione, cioè sui trattamenti

Localizzare azoto e fosforo alla semina delle colture a file, per garantirsi una pronta emergenza e nessuno stress

Sul mais, sei anni di prove svolte dall’Università di Torino dimostrano che la concimazione localizzata di azoto e fosforo alla

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*