Spandiconcime Kverneland

Come calcolare il 5% di area ecologica previsto dal greening

Come calcolare il 5% di area ecologica previsto dal greening

Le aree di interesse ecologico sono uno dei tre obblighi previsti dal pagamento verde o greening della nuova Pac. Vengono anche denominate EFA, cioè Ecological Focus Area. Questo obbligo non si applica alle superfici a seminativo inferiori ai 15 ettari e nel caso in cui più del 75% della superficie sia destinata alla produzione di erba o di altre piante da foraggio, sia a prato permanente o sua investita a colture sommerse come il riso e per i terreni a riposo.

L’impegno prevede che gli agricoltori sono obbligati a destinare il 5% della superficie a seminativo alle aree ecologiche. Ma su quale superficie effettiva si deve calcolare il 5%?

Il calcolo va effettuato non solo sul terreno destinato ai seminativi, ma anche tenendo conto di alcuni elementi caratteristici del paesaggio.

Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia fa due esempi:

  1. Azienda con 100 ettari di seminativi e 10 ettari di bosco ceduo a rapida rotazione dichirati come EFA: il 5% si calcola su 110 ettari e quindi è pari a 5,5 ha.
  2. Azienda con 50 ettari di seminativi e 3 ettari di siepi e fasce tampone dichiarati come EFA: il 5% si calcola su 53 ettari e corrisponde a 2,65 ettari di area ecologica per rispettare l’obbligo previsto dal greening.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.



Articoli correlati

Petrini denuncia il ”veleno nascosto nella terra”, ma gli agricoltori hanno già voltato pagina

Come succede da decenni sui quotidiani e sulle reti televisive, anche coloro che dovrebbero conoscere un po’ di più gli

Vigneti, cambiano le regole per i nuovi impianti. Scadenza domande il 31 marzo

Il decreto ministeriale n. 527 del 30 gennaio 2017 ha introdotto alcune importanti modifiche al sistema di richiesta per i nuovi

Nel 2017 stop alle quote zucchero. È l’occasione buona per il rilancio della bieticoltura italiana

Giochi politici assurdi, che ormai fanno parte della storia poco gloriosa delle nostre trattative comunitarie, hanno ridotto al lumicino una

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*