Offerta Botte Kverneland

Come concimare il frumento all’uscita dell’inverno: i consigli agronomici giusti, senza eccedere nei costi

Come concimare il frumento all’uscita dell’inverno: i consigli agronomici giusti, senza eccedere nei costi

I cereali autunno-vernini in accestimento, più o meno avanti a seconda dell’epoca di semina, richiedono azoto e a volte si abbina anche una dose di fosforo con un concime binario tipo 25.10.

Quando usare l’azoto a pronto effetto

Se il cereale all’uscita dall’inverno appare clorotico, sottolinea Valerio Bucci (coordinatore tecnico di Terremerse), con un investimento ridotto e un accestimento stentato si deve somministrare una forma azotata a pronto effetto, quindi in forma nitrica, così da superare velocemente lo stress. Si possono fornire per esempio 200-250 kg/ha di nitrato di calcio oppure 100-150 kg/ha di nitrato ammonico.

Se il frumento è in buona salute

Se invece i seminati sono in buona salute, con un accestimento ben avviato, si può attendere e distribuire l’azoto a metà-fine accestimento con una quota pari al 25-30% del totale di azoto previsto per tutto il ciclo della coltura, impiegando urea o nitrato ammonico.

Se si usa un azoto a cessione graduale si può aumentare, in questa fase, la dose di somministrazione al 40-60% della dose totale. Se poi si fa grano di alta qualità, quindi volendo avere un tenore proteico importante, successivamente sarà necessario riservare una quota di 25-30 unità di azoto/ha da distribuire in concomitanza con la fase di spigatura.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
concimazionefrumento

Articoli correlati

Frumento: occorre combattere le resistenze ai graminicidi con interventi di pre-emergenza

Scagliola sterile (Phalaris paradoxa), Avena selvatica (Avena sterilis) e Loglio rigido (Lolium rigidum) sono le infestanti che hanno sviluppato negli

Diserbo cereali a paglia: un nuovo prodotto a basso dosaggio efficace contro le infestanti resistenti

Chi semina frumento tenero, frumento duro, orzo, triticale o farro è sempre più preoccupato per lo sviluppo di popolazioni di

Diserbo mais: perché scegliere l’intervento di pre-emergenza con gli erbicidi residuali

Sul mais, per combattere le principali infestanti, la maggior parte dei bravi agricoltori si orienta sulla prevenzione, cioè sui trattamenti

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*