Domanda Pac e agricoltori attivi, cambiano i requisiti per il 2018. Scadenza 15 giugno

by Roberto Bartolini | Aprile 30, 2018 6:40 am

Sino alla fine del 2017, l’agricoltore che riceve la Pac doveva dimostrare di essere “agricoltore attivo” attraverso sei fattispecie. Da quest’anno, invece, l’Italia ha semplificato la questione, riducendo a tre le fattispecie. Di conseguenza, è agricoltore attivo chi possiede almeno uno dei seguenti requisiti:

  1. Pagamenti diretti percepiti nell’anno precedente sotto una certa soglia: 5.000 euro per le aziende montane e in aree svantaggiate e 1.250 euro in tutte le altre zone.
  2. Iscrizione all’Inps come coltivatore diretto, imprenditore agricolo professionale o mezzadro.
  3. Titolari di partita Iva attiva in campo agricolo con dichiarazione annuale Iva oppure con comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva.

1. Agricoltore sotto una certa soglia

Le soglie sopra indicate riguardano tutti i pagamenti diretti dell’anno precedente. Ma se un agricoltore non ha presentato la domanda?

L’importo “presunto”, dice la normativa, si ottiene moltiplicando il numero di ettari ammissibili dichiarati dall’agricoltore nell’anno di presentazione della domanda Pac (cioè il 2018) per il pagamento medio nazionale nell’anno fiscale più recente.

Esempio: un agricoltore nel 2017 ha presentato domanda Pac per 3 ettari, ma nel 2016 non ha presentato domanda Pac e vuole sapere se può rientrare nell’agricoltore attivo sotto una certa soglia. Il soggetto deve allora moltiplicare i 3 ettari dichiarati nel 2017 per 396,02 euro/ha, che è il pagamento medio nazionale del 2016. L’importo è pari a 1188,06 euro/ha e quindi rientra nei parametri previsti dalla fattispecie 1.

2. Agricoltore iscritto all’Inps

Si tratta della situazione più semplice ed è applicabile alle ditte individuali, ma non alle società.

3. Partita Iva

Questa fattispecie richiede il possesso di partita Iva agricola con codice ATECO 01. Non è più in vigore la norma che prevedeva l’apertura della partita Iva prima del 1° agosto 2014.

Per le aziende situate “in altre zone”, cioè non in aree montane e/o svantaggiate, non basta la partita Iva, ma occorre anche la dichiarazione annuale dell’Iva con comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini Iva.

Sono esonerati dalla dichiarazione annuale dell’Iva gli agricoltori che iniziano l’attività agricola nell’anno della domanda Pac. In questo caso basta il possesso della partita Iva attiva in campo agricolo.

Tutti gli agricoltori che fino al 2017 accedevano ai pagamenti Pac senza partita Iva non potranno più farlo e dovranno dotarsi di partita Iva.

La presentazione della domanda Pac 2018 slitta al 15 giugno

Ricordiamo infine che è stata già stabilita una proroga della data di scadenza per la presentazione della domanda Pac 2018, che slitta al 15 giugno prossimo.

Source URL: http://www.ilnuovoagricoltore.it/domanda-pac-e-agricoltori-attivi-cambiano-i-requisiti-per-il-2018-scadenza-15-giugno/