Glifosate: ancora 5 anni di utilizzo in agricoltura? Poi si dovranno cercare valide alternative

Glifosate: ancora 5 anni di utilizzo in agricoltura? Poi si dovranno cercare valide alternative

L’europarlamento di Bruxelles, con una maggioranza di 355 voti favorevoli e 204 contrari, ha approvato una risoluzione, non vincolante, che chiede di non rinnovare la licenza d’uso del glifosate, in scadenza a dicembre 2017, e di eliminarlo gradualmente dal commercio entro la fine del 2022.

La Commissione europea all’ambiente ha presentato ai paesi Ue una proposta di rinnovo della durata tra 5 e 10 anni, ma non si è raggiunto nessun accordo. I Paesi membri del comitato hanno infatti rimandato ancora la decisione e forse si arriverà a qualche conclusione nei primi giorni di novembre. Ricordiamo che la Commissione ambiente ha approvato un documento in cui chiede già una fase di eliminazione progressiva delle scorte entro e non oltre il 2020.

Dunque continua il balletto delle cifre e lo scaricabarile su una decisione che, ripetiamo, può mettere in seria difficoltà tutto il mondo agricolo, anche se riteniamo che le industrie chimiche abbiano già da tempo nel cassetto molecole sostitutive di nuova generazione.

D’altra parte l’agricoltura non può tornare indietro e le infestanti non diminuiscono, anzi, si fanno sempre più aggressive, con buona pace dei politici inconcludenti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
glifosate

Articoli correlati

Pac, attenzione agli obblighi della condizionalità per non perdere gli aiuti

Il riferimento legislativo, ed è bene documentarsi per non incappare nelle sanzioni, è il decreto del Mipaaf n. 180 del

Vigneti, i nuovi vincoli sulla trasferibilità per contrastare i ”furbetti del reimpianto”

Fatta la legge, trovato l’inganno. Anche la normativa sulle autorizzazioni ai nuovi impianti viticoli negli ultimi due anni è stata

Titoli Pac: cosa succede se nel 2016 l’agricoltore coltiva meno ettari rispetto al 2015?

I nuovi titoli Pac sono stati assegnati a ogni agricoltore sulla base della superficie ammissibile disponibile al 15 maggio 2015.

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*