Campagna finanziaria Kverneland

Il mais per ora è salvo dalle micotossine. Ma attenzione a epoca e modalità di raccolta

Il mais per ora è salvo dalle micotossine. Ma attenzione a epoca e modalità di raccolta

Le rilevazioni di metà agosto sono confortanti per quanto riguarda le micotossine del mais padano. Per le fumonisine il rischio è assente o basso, a esclusione dell’area del Delta del Po dove passa a medio; mentre per le aflatossine il rischio è ugualmente assente o basso, sempre con eccezione per il Delta dove invece è medio-alto.

I consigli per le prossime raccolte

La riduzione del rischio di contaminazione da micotossine si può raggiungere, suggeriscono Riccardo Bugiani e Massimo Bariselli della Regione Emilia-Romagna, con la raccolta della granella con un’umidità inferiore al 22%. Quindi occorre una trebbiatura tempestiva per ridurre il tempo a disposizione dei patogeni per accumulare tossine nella granella.

Inoltre è necessario ridurre al massimo le possibili lesioni alle cariossidi, quindi sono da preferire le mietitrebbie a flusso assiale, mentre con le macchine tradizionali occorre un controllo ben fatto di tutte le regolazioni e mantenere bassa la velocità del battitore.

È fondamentale anche che i mezzi di trasporto della granella siano puliti, eliminando possibili contaminazioni, ma si sa che questo aspetto non dipende dall’agricoltore.

Infine è necessario velocizzare tutte le operazioni per essiccare nel più breve tempo possibile il mais e non lasciarlo sostare a lungo in condizioni favorevoli allo sviluppo dei funghi.

Uno sguardo al mercato

Per quanto riguarda il mercato del mais, la produzione europea è al momento nella media e i prezzi sono stabili, quindi ci si augura che si mantengano sui livelli dei 185 euro/tonnellata. Anche se rimane l’incognita legata a un’ottima annata anche in tutti gli altri paesi.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
mais

Articoli correlati

Le alternative all’aratura: minima lavorazione e semina su sodo

L’eliminazione dell’aratura comporta i seguenti vantaggi: Aumento della porosità canalicolare grazie all’attività dei microrganismi e delle radici, anche delle cover

Soia, perché lo stelo è ancora verde e ha le foglie quando i bacelli sono pronti per la raccolta

La chiamano “sindrome dello stelo verde” e avviene quando la pianta di soia, nel periodo della raccolta, presenta il fusto

Sos mais italiano: in dieci anni persi oltre 400mila ettari di superficie seminata

Italia, anno 2006: 1.100.000 ettari a mais. Italia, anno 2016: 656.000 ettari a mais. Questo il bilancio del tracollo di

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*