Dekalb Italia

Il super ammortamento degli investimenti aziendali vale fino al 31 dicembre 2016

Il super ammortamento degli investimenti aziendali vale fino al 31 dicembre 2016

Nella Legge di Stabilità 2016, convertita nella legge n. 208 del 28 dicembre 2015 (Gazzetta ufficiale n. 3029), c’è una disposizione molto interessante anche per il mondo agricolo, che consente di ammortizzare il 140% del costo dei beni strumentali nuovi, anziché il 100%.

Interessati anche contoterzisti e agronomi

Secondo quanto riporta l’ultimo numero dell’Informatore Agrario, sono interessati alla disposizione coloro che esercitano attività soggette al reddito di impresa, come per esempio le imprese agromeccaniche, e coloro che esercitano arti e professioni, come per esempio gli agronomi.

L’agevolazione, essendo fruibile attraverso la deduzione del costo degli ammortamenti, non interessa le attività che determinano il reddito imponibile in modo forfettario, come per esempio gli agriturismi, a meno che non abbiamo optato per la determinazione analitica del reddito, cioè sulla base della differenza tra i costi e i ricavi.

Nel caso di contabilità semplificata, anche la maggiore perdita calcolata potrebbe essere portata in diminuzione di altri redditi prodotti indicati nel modello Unico, circostanza non applicabile per redditi prodotti in contabilità ordinaria, dove la perdita d’esercizio può essere portata in diminuzione solamente di altri redditi della stessa natura.

L’ammortamento vale per i nuovi acquisti fatti dal 15 ottobre 2015

L’agevolazione che fa portare a costo il 140% del valore del bene nuovo acquistato vale nel periodo che va dal 15 ottobre 2015 sino al 31 dicembre 2016. In definitiva si abbatte l’imponibile ai fini delle imposte dirette, portando in diminuzione un maggior costo del 40%.

Sono esclusi investimenti in immobili, fabbricati e costruzioni; mentre rientrano i beni acquisiti in leasing.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
contributi macchine agricole

Articoli correlati

Il loietto può ‘aggirare’ il greening. A patto che…

Gabriele Chiodini, esperto di Pac dell’Università di Perugia, pone un caso molto interessante per gli agricoltori della Pianura Padana, assai

Le cooperative agricole sono una gran cosa, a patto che gli amministratori siano capaci

Il mondo agricolo organizzato in cooperative acquista più potere di mercato e più alternative per il collocamento del prodotto, e

In dieci anni -38% nelle vendite di trattori in Italia. Che sia un segno di maturità?

I dati ufficiali indicano che nel lontano 2006 sono stati 30 mila i trattori immatricolati nel nostro paese, mentre a

2 commenti

Scrivi un commento
  1. Giuseppe Garofalo
    Giuseppe Garofalo 19 gennaio, 2016, 17:22

    Vorrei informazioni x ammodernamento macchine agricole x allevamento bufalino

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 21 gennaio, 2016, 09:02

      Il super ammortamento riguarda anche gli investimenti in macchine e attrezzature agricole, e quindi a rigor di logica dovrebbero rientrare anche ciò che intende acquistare per il suo allevamento.

      Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*