Adama Italia

La mappatura del suolo alle Colombaie per realizzare le mappe di prescrizione per le dosi variabili

La mappatura del suolo alle Colombaie per realizzare le mappe di prescrizione per le dosi variabili

Il progetto Kverneland Group Academy PFE prevede per frumento foraggero e il mais la verifica di tutti i dati produttivi ed economici dopo la semina e la concimazione a dose variabile nelle parcelle dove si applica il “livello di precisione 3”, cioè quello più completo. Questo livello 3 prevede, oltre all’uso della guida automatica e dello spandiconcime Kverneland GEOSPREAD per evitare le sovrapposizioni nelle concimazioni, anche la distribuzione di alcuni mezzi tecnici a dose variabile a seconda delle aree più o meno fertili riscontrate negli appezzamenti attraverso la mappatura del suolo.

In termini tecnici, la mappatura – che è stata eseguita da una slitta trainata da un quad e da successive carotature manuali – si chiama “caratterizzazione integrata del suolo” ed è stata eseguita sui parcelloni del nostro progetto in corso all’azienda Le Colombaie di Visano (Brescia), dalla società Agrisoing (www.agrisoing.eu –  tel. 0586 426710 –  info@agrisoing.eu), un’azienda che da dieci anni opera in questo specifico settore della precisione e che oggi ha acquisito una esperienza e una affidabilità unici in Italia.

Il risultato dell’indagine georeferenziata a diverse profondità, che evidenzia tessitura e altri parametri, abbinata all’analisi chimica dei campioni prelevati con carotatura in punti strategici, produce delle carte finali sulle quali l’agronomo imposta le diverse strategie agronomiche nel dosaggio dei mezzi tecnici o nella scelta del tipo di gestione del suolo. Cioè le cosiddette mappe di prescrizione, con l’indicazione delle “dosi variabili” in funzione della variabilità finalmente conosciuta nei minimi dettagli dei terreni che si coltivano.

Le mappe di prescrizione realizzate dagli esperti di Kverneland Group Italia, trasferite su una chiavetta usb, sono state caricate direttamente sull’Isomatch Tellus presente sul trattore (o su altro terminale) che a sua volta dialoga con seminatrice e spandiconcime 100% Isobus che eseguono in campo, punto per punto, le indicazioni delle mappe differenziando le dosi.

Nel caso del frumento Ludwig, di cui parleremo nella prossima puntata dedicata al progetto Kverneland Group Academy PFE, la dose di seme è stata differenziata da 230 a 250 kg/ha e la dose di concime Nutrigran TOP S della Scam da 150 a 180 kg/ha.

Mappatura georeferenziata a diverse profondità per determinare come cambia la tessitura e l’origine pedologica dei terreni nei diversi punti.

Carotatura di campioni di suolo effettuata dal pedologo di Agrisoing, che saranno sottoposti ad analisi chimica.

Risultato della carotatura: si noti come il terreno cambia notevolmente man mano che si va in profondità.

Gli esperti di Kverneland Group Italia analizzano le mappe di Agrisoing e predispongono le mappe di prescrizione.

La mappa del suolo: ai diversi colori corrispondono diverse tipologie di suolo e l’indicazione delle parcelle che verranno dedicate al frumento Ludwig con diversi tipi di lavorazione e livello di precisione.

Foglio elettronico dove sono state fissate le due dosi di semina, 230 e 250 kg/ha, di Ludwig.

Particolare di una parcella dove sono state indicate le dosi diverse di seme in base alla fertilità del suolo. La seminatrice distribuirà esattamente la dose di seme indicata variandola punto per punto, quando si sposterà da una zona rossa a una gialla.

Foglio elettronico per la distribuzione del concime a dosi differenti (150 e 180 kg/ha) a seconda delle diverse parcelle e zone del campo.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.



Articoli correlati

Come risolvere il tormentone del contoterzista: ”Faccio le mappe di raccolta, ma l’agricoltore le mette nel cassetto”

“Benedetta innovazione, quanto sei complicata? e poi, a cosa servi?” Il contoterzista ha speso qualche migliaio di euro per dotare

La slitta che ci fa conoscere meglio il terreno per mettere in campo l’agricoltura di precisione

È un’attrezzatura molto semplice che viene trainata da un quad e riesce a mappare oltre cinquanta ettari di terreno al

Agricoltura di precisione, facciamo chiarezza: ecco come si applica in campo

Se ne parla tanto ma, per il momento, viene applicata solo sull’1% della superficie agricola italiana. Troppo poco per un sistema

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*