L’affitto dei terreni agricoli continua ad aumentare, ma i prezzi medi sono sotto ai 20mila euro/ettaro

by Roberto Bartolini | dicembre 22, 2016 7:21 am

Le superfici agricole in affitto continuano ad aumentare al ritmo del 7-8% l’anno e hanno ormai raggiunto i 5,2 milioni di ettari, cioè il 42% della superficie agricola italiana, con percentuali diverse nelle tre aree: 50% al Sud, 41% al Nord e 36% al Centro.

Al Nord la crescita della domanda di terra in affitto è legata soprattutto alle colture di pregio, mentre al Sud la caccia alla terra in affitto si deve soprattutto ai giovani imprenditori che stanno usufruendo degli aiuti previsti dai PSR. Molti sono poi gli agricoltori in età avanzata che, nell’impossibilità di salire sul trattore, preferiscono cedere i propri fondi tramite l’affitto.

Negli ultimi due anni si segnalano significativi cali nei canoni di affitto per le superfici destinate alle colture bioenergetiche, mentre ci sono stati aumenti dei contratti in comodato d’uso tra soggetti della stessa famiglia per lunghi periodi, anche se negli altri casi è sempre più frequente che le nuove contrattazioni siano stipulate per periodi medio-brevi.

Per quanto riguarda il prezzo della terra, il Crea segnala una flessione dell’1-1,5%, indicando che le compravendite sono limitate, fatta eccezione per i vigneti soprattutto nel Nord-Est. Rimane invece alto l’interesse dei grandi investitori per realtà agricole di pregio.

Nella tabella seguente, pubblicata da Terra e Vita, sono riassunti i valori fondiari medi del 2015 e subito balza agli occhi l’enorme divario tra Nord, Centro e Sud e in particolare per i terreni di collina, per lo più destinati ai vigneti che nel Nord-Ovest raggiungono quotazioni medie di oltre 96 mila euro/ha.

Source URL: http://www.ilnuovoagricoltore.it/laffitto-dei-terreni-agricoli-continua-ad-aumentare-ma-i-prezzi-medi-sono-sotto-ai-20mila-euroettaro/