Kverneland @ Eima 2018

L’agricoltura non ha bisogno di nuove leggi, ma di dirigenti capaci

L’agricoltura non ha bisogno di nuove leggi, ma di dirigenti capaci

Anche se un nuovo anno è iniziato, all’orizzonte della politica agricola italiana non si vede uno spiraglio di miglioramento. Per capire cosa c’è che non va, prendiamo come esempio la burocrazia, con la sua montagna di norme difficili da leggere, da capire e da interpretare che tormentano i sonni dei nostri imprenditori agricoli.

“Agricoltura 2.0”: un pacchetto di norme mai applicate

Il governo aveva sbandierato il varo di “Agricoltura 2.0”, un pacchetto di misure descritte minuziosamente nella homepage del sito web del Ministero dell’agricoltura, che avrebbero dovuto risolvere almeno in parte la lentezza della elefantiaca macchina burocratica. Ma come ha sottolineato di recente l’agronomo Angelo Frascarelli dalle colonne di Terra e Vita, di “Agricoltura 2.0” si è solo parlato per mesi e mesi, perché per ora nessun agricoltore, agronomo o Caa ha potuto toccare con mano alcun miglioramento. I buoni propositi della tanto sbandierata semplificazione sono rimasti tali e addirittura quello che prima funzionava almeno un po’, ora è peggiorato: pensiamo alla domanda Pac, ai pagamenti, alla domanda per il gasolio agevolato, ai Psr.

Il “Collegato agricolo” potrebbe diventare carta straccia

Altro versante scandaloso è quello del “Collegato agricolo“, che contiene alcuni interventi importanti tra i quali il riordino di Agea, gli strumenti di gestione del rischio, le nuove norme sulla regolazione dei mercati, il codice agricolo, il ricambio generazionale. Ma che fine hanno fatto questi provvedimenti?

Gli interventi più rilevanti per l’agricoltore sono leggi-delega, quindi non immediatamente esecutive; pertanto si dovrà attendere che il governo emani gli appositi decreti attuativi che poi dovranno essere discussi dal parlamento. Ma se si andrà prima alle elezioni, il “Collegato agricolo” sarà carta straccia!

I politici non fanno il loro dovere

Dunque i politici cosa fanno? Scrivono tante leggi che poi non applicano. Quello che invece dovrebbero fare è nominare dirigenti capaci di creare procedure snelle ed efficaci, facendo funzionare un Paese che invece è bloccato dai suoi apparati. Inoltre quei dirigenti, se mai ci fossero, dovrebbero ascoltare gli operatori per capire le problematiche reali, creando condivisione e trovando soluzioni innovative per rendere più semplice la vita delle imprese per far crescere occupazioni e redditi.

È il libro dei sogni? Purtroppo sì.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
agricoltura

Articoli correlati

Norme incerte e inefficienza informatica di Agea: tre esempi che penalizzano gli agricoltori

Gli agricoltori italiani sono ormai ben consapevoli che devono garantire, oltre ai prodotti che ci servono per vivere, anche alcuni

Contratto di rete: l’Agenzia delle entrate fa chiarezza su Iva e imposte dirette per agricoltori

Sono circa 2600 le imprese agricole che aderiscono a un contratto di rete, attraverso il quale “più imprenditori perseguono lo

Stop ai pagamenti Pac 2017? Una nuova norma impone il certificato antimafia entro il 30 novembre

Tutti gli agricoltori che ricevono più di 5.000 euro all’anno di contributi Pac entro il 30 novembre prossimo dovranno presentare

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*