Campagna finanziaria Young 140

Le migliori varietà di girasole consigliate per le prossime semine

Le migliori varietà di girasole consigliate per le prossime semine

Centoventi mila ettari concentrati per lo più nelle Marche, in Umbria e in Toscana: è l’estensione in Italia del girasole, un prodotto che continuiamo a importare per la maggior parte del nostro fabbisogno ma che sino al 2020 godrà di un sostegno accoppiato previsto dalla nuova Pac che dovrebbe consentirne una rapida e ulteriore espansione.

Le valutazioni annuali del CRA

Il CRA (Consiglio per la ricerca e la sperimentazione) insieme ad altri enti ha svolto anche nel 2014 le prove varietali per valutare i materiali genetici in commercio più produttivi e fornire così una indicazione di massima agli agricoltori per le semine 2015.

La resa in acheni

La resa in acheni dei 28 ibridi in prova ha superato in media le 4 t/ha nelle tre regioni. Si sono distinti cinque ibridi:

  • Inostarck (APSOVsementi) con 4,42 t/ha
  • NK Stradi (Syngenta) con 4,33 t/ha
  • Sillouet (APSOVsementi) con 4,31 t/ha
  • Mas 89M (Maisadour) con 4,29 t/ha
  • NK Okanda (Syngenta) con 4,27 t/ha

Il contenuto in olio

Il contenuto in olio degli acheni è stato in media, per gli ibridi testati, intorno al 50% della sostanza secca. In particolare ecco i dati per i 5 ibridi più produttivi:

  • Inosyarck 50,96
  • NK Stradi 52,30
  • Sillouet 52,45
  • Mas 89M 50,55
  • NK Okanda 51,28

Altri ibridi che si sono comportati bene dal punto di vista produttivo sono Mas 83R di Maisadour, Siklos CL di APSOVsementi, NK Octava di Syngenta, DKF 333 di Syngenta, che hanno superato le 4,10 t/ha.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
girasole

Articoli correlati

Il buon uso del digestato sul mais

Il digestato proveniente dagli impianti a biogas, nella maggioranza dei casi aziendali, viene separato in due frazioni: solida e liquida.

Risparmiare col seme aziendale? Una scelta errata e che fa male all’ambiente

Il 50% del seme di frumento duro e di erba medica impiegato in Italia non è certificato, cioè è riprodotto

La soia si conferma una coltura strategica e da reddito, ma rimane il paradosso della soia ogm

È ferma al di sotto dei 290 mila ettari di superficie nazionale, ma la soia anche nel 2016 si conferma

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*