Spandiconcime Kverneland

Mais a 11 foglie su minima e strip: nessuna differenza rispetto all’aratura

Mais a 11 foglie su minima e strip: nessuna differenza rispetto all’aratura

Anche i più risoluti fautori dell’aratura e delle ripetute erpicature non possono non meravigliarsi di cosa sta succedendo nel PAG (Progetto agronomico globale) sul mais realizzato da Kverneland Group Italia insieme a Dekalb e Agrium nell’azienda Cavazzini di Castelgoffredo (Mantova) (vedi articolo precedente).

Le nostre immagini parlano molto chiaro

Più che le solite parole, vi proponiamo quello che conta, cioè l’evidenza delle immagini, che dimostrano come il mais seminato su minima e su strip-till in condizioni di terreno davvero molto complicate, per via di forte inerbimento di partenza e per la presenza di residui colturali oltre che di evidenti calpestamenti, è alla pari rispetto al mais seminato su terreno arato ed erpicato con due passaggi.

È chiaro che la prova finale sarà la resa, ma al momento godiamoci la bella partenza del mais su minima e su strip, contenti per il momento di avere risparmiato parecchi euro a ettaro rispetto alle lavorazioni tradizionali.

Minima lavorazione con coltivatore Kverneland CLC

Ecco come si presenta il terreno al momento della lavorazione minima effettuata con il coltivatore Kverneland CLC.

Ecco come si presenta il terreno al momento della lavorazione minima effettuata con il coltivatore Kverneland CLC.

Al centro della foto il terreno lavorato con il passaggio di CLC e pronto per la semina.

Al centro della foto il terreno lavorato con il passaggio di CLC e pronto per la semina.

L’emergenza del mais su terreno lavorato con il CLC.

L’emergenza del mais su terreno lavorato con il CLC.

Ecco come si presenta il mais seminato su minima con CLC, il 24 maggio 2016.

Ecco come si presenta il mais seminato su minima con CLC, il 24 maggio 2016.

Strip-till con Kverneland Kultistrip

A sinistra il terreno di partenza e a destra le strisce lavorate dal Kverneland Kultistrip pronte per la semina immediata del mais.

A sinistra il terreno di partenza e a destra le strisce lavorate dal Kverneland Kultistrip pronte per la semina immediata del mais.

L’emergenza del mais seminato con il satellitare sulle strisce preparate dal Kultistrip.

L’emergenza del mais seminato con il satellitare sulle strisce preparate dal Kultistrip.

Ecco come si presenta il mais su strip till il 24 maggio 2016, dopo un intervento di diserbo in post emergenza con Laudis.

Ecco come si presenta il mais su strip till il 24 maggio 2016, dopo un intervento di diserbo in post emergenza con Laudis.

Particolare del mais nato perfettamente su strip-till. Osservare i residui colturali nell’interfila.

Particolare del mais nato perfettamente su strip-till. Osservare i residui colturali nell’interfila.

Mais seminato su aratura ed erpicatura

Il mais seminato su aratura ed erpicatura. Come si vede non c’è alcuna differenza rispetto al mais seminato su minima e su strip-till.

Il mais seminato su aratura ed erpicatura. Come si vede non c’è alcuna differenza rispetto al mais seminato su minima e su strip-till.

Vi terremo aggiornati con altri reportage sul PAG Kverneland, nei momenti cruciali del ciclo colturale del mais.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.



Articoli correlati

Il sodo migliora il terreno: i numeri

Tre anni di prove della Facoltà di agraria dell’università di Piacenza (Vincenzo Tabaglio e collaboratori) confermano che rispetto alla tradizionale

L’ambientalista indiana Shiva critica, ma non conosce l’agricoltura moderna

«Oltre a distruggere la biodiversità, l’agricoltura industriale è tra le responsabili della produzione di gas serra. L’agricoltura biologica invece riduce

La follia dell’aratore: distruggere la fertilità dei terreni con costi enormi

Era il 1943 e non si parlava ancora di minima lavorazione e di sodo, ma Edward H. Faulkner in un

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*