Campagna finanziaria Kverneland

Pac 2017, Agea dà il via al pagamento degli anticipi. Ecco chi può rimanere escluso

Pac 2017, Agea dà il via al pagamento degli anticipi. Ecco chi può rimanere escluso

L’anticipo dei pagamenti Pac 2017 è partito il 16 ottobre scorso. È quanto emerge da una circolare di Agea, la numero 75129 del 4 ottobre 2017 (clicca qui per leggerla sul sito di Agea), che dà il via ufficiale allo stanziamento dei fondi. Ovviamente ora spetta agli organismi pagatori fare in fretta la loro parte.

Gli anticipi riguardano fino al 70% dei pagamenti diretti e l’erogazione è subordinata all’effettuazione dei controlli amministrativi.

I pagamenti interessati dall’anticipo sono:

  • Pagamento di base
  • Pagamento regime piccoli agricoltori
  • Pagamento per i giovani agricoltori
  • Pagamento greening

Sono esclusi dall’anticipo i pagamenti relativi all’aiuto accoppiato.

Per il pagamento di base va precisato che vengono considerati i titoli in portafoglio, escludendo quelli oggetto di trasferimento in attesa di validazione.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Ageapac 2017pagamenti pac

Articoli correlati

PAC, PSR, Glifosate: il fallimento delle nostre istituzioni, a danno dell’agricoltura

E dire che anche loro si siedono a tavola almeno tre volte al giorno, ma evidentemente, per i nostri burocrati

Controllo funzionale irroratrici: il tempo è scaduto. Scattano le sanzioni per chi non è in regola

Il 26 novembre 2016 è passato da tre giorni ed era la data ultima, senza possibilità di proroga, per mettersi

Stop al glifosate: alcune regioni varano delibere e mozioni, ma sono frutto di ignoranza

L’Italia ancora una volta è il paese degli assurdi paradossi. Importiamo almeno il 40% del grano che ci occorre per mangiare,

2 commenti

Scrivi un commento
  1. Nicol Picciotti
    Nicol Picciotti 15 dicembre, 2017, 22:29

    Finalmente viene abolito il glisofate

    Rispondi a questo commento
  2. Maria Rosa Perrino
    Maria Rosa Perrino 6 marzo, 2018, 18:52

    E’ stata fatta un trasferimento di proprietà terriera dalla madre alla figlia inoltre ha fatta la domanda d’integrazione ma non vedo niente di pagamenti.
    quando sarà pagata l’integrazione

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*