Pac 2018: aumentano le sanzioni per il mancato rispetto del greening

Pac 2018: aumentano le sanzioni per il mancato rispetto del greening

All’inizio, nel 2015/2016, chi non rispettava le regole del greening perdeva solo la quota relativa a questo pagamento. Nel 2017, oltre alla perdita del pagamento greening, la sanzione prevedeva una riduzione di tutti gli altri pagamenti pari al 20% del pagamento verde. Ma nel 2018, per il mancato rispetto del greening le sanzioni aumentano: infatti, oltre alla perdita del pagamento stesso, la quota riduzione di tutti gli altri pagamenti sale al 25% del pagamento greening.

Gli obblighi da rispettare

Ricordiamo quali sono gli obblighi per poter incassare il pagamento greening:

  1. Aziende da 10 a 15 ettari di seminativo: l’unico impegno riguarda la diversificazione, con la presenza di almeno due colture, nessuna delle quali può coprire più del 75% della superficie totale a seminativo.
  2. Aziende da 15 a 30 ettari di seminativo: gli impegni sono due, e cioè la presenza di almeno due colture e il 5% della superficie a seminativo che deve essere destinata alle aree ecologiche dette “Efa”.
  3. Aziende con oltre 30 ettari a seminativo: gli impegni sono due, e cioè la presenza di almeno tre colture (con la coltura principale che copre al massimo il 75% della superficie a seminativo e le due colture principali che arrivano al massimo al 95% dei seminativi) e la presenza sul 5% della superficie delle aree ecologiche Efa.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
greeningpac 2018

Articoli correlati

Pac: se si fanno mais e soia di secondo raccolto, qual è la coltura diversificante per il greening?

Gli impegni del greening sulla diversificazione delle colture obbligano le aziende che oltrepassano i 30 ettari a seminativi di introdurre

Mais ogm: la Corte di giustizia UE riabilita le semine clandestine

L’agricoltore Giorgio Fidenato e un gruppo di suoi colleghi friulani avevano sfidato i divieti italiani, coltivando nel 2014 il mais

Dall’intesa tra agromeccanici e Coldiretti ci aspettiamo più agronomi in campo per spiegare le nuove tecnologie

Coldiretti e Cai (Confederazione agromeccanici italiani) hanno firmato nei giorni scorsi un protocollo di intesa nel corso del Forum sull’agroalimentare di

3 commenti

Scrivi un commento
  1. Bruno 74
    Bruno 74 14 ottobre, 2017, 00:17

    Un’ azienda agricola della bassa pianura padana con una superficie totale di 160 ettari con necessità di coltivare in prevalenza mais, per rispettare il greening con rispettiva Efa in che percentuale e quali colture ( oltre al mais ovviamente ) si devono pianificare per la prossima annata agraria? Grazie.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*