Pac 2018: aumentano le sanzioni per il mancato rispetto del greening

Pac 2018: aumentano le sanzioni per il mancato rispetto del greening

All’inizio, nel 2015/2016, chi non rispettava le regole del greening perdeva solo la quota relativa a questo pagamento. Nel 2017, oltre alla perdita del pagamento greening, la sanzione prevedeva una riduzione di tutti gli altri pagamenti pari al 20% del pagamento verde. Ma nel 2018, per il mancato rispetto del greening le sanzioni aumentano: infatti, oltre alla perdita del pagamento stesso, la quota riduzione di tutti gli altri pagamenti sale al 25% del pagamento greening.

Gli obblighi da rispettare

Ricordiamo quali sono gli obblighi per poter incassare il pagamento greening:

  1. Aziende da 10 a 15 ettari di seminativo: l’unico impegno riguarda la diversificazione, con la presenza di almeno due colture, nessuna delle quali può coprire più del 75% della superficie totale a seminativo.
  2. Aziende da 15 a 30 ettari di seminativo: gli impegni sono due, e cioè la presenza di almeno due colture e il 5% della superficie a seminativo che deve essere destinata alle aree ecologiche dette “Efa”.
  3. Aziende con oltre 30 ettari a seminativo: gli impegni sono due, e cioè la presenza di almeno tre colture (con la coltura principale che copre al massimo il 75% della superficie a seminativo e le due colture principali che arrivano al massimo al 95% dei seminativi) e la presenza sul 5% della superficie delle aree ecologiche Efa.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
greeningpac 2018

Articoli correlati

Tra loiessa e mais qual è la coltura principale?

Poniamo il caso, frequente in Pianura Padana, della successione loiessa-mais. Quale delle due colture viene ritenuta principale ai fini della

Pac post 2020: i pagamenti diretti non si toccano, ma arrivano nuovi sistemi di calcolo

Una cosa è certa: la Commissione europea ha affermato che i pagamenti diretti rimarranno al centro della prossima Pac 2021-2027,

Forte ritardo nei pagamenti Pac: è colpa della verifica sugli agricoltori attivi?

La qualifica di “agricoltore attivo” è il primo requisito indispensabile per ricevere i pagamenti della nuova Pac, e proprio il

4 commenti

Scrivi un commento
  1. Bruno 74
    Bruno 74 14 Ottobre, 2017, 00:17

    Un’ azienda agricola della bassa pianura padana con una superficie totale di 160 ettari con necessità di coltivare in prevalenza mais, per rispettare il greening con rispettiva Efa in che percentuale e quali colture ( oltre al mais ovviamente ) si devono pianificare per la prossima annata agraria? Grazie.

    Rispondi a questo commento
  2. Paolo
    Paolo 24 Gennaio, 2019, 18:44

    Buonasera dott. Bartolini. Le chiedo se secondo Lei una superficie forestale impiantata nel 1999 ai sensi del ex reg. 2080/92, può entrare in domanda unica del 2015 , per soddisfare la percentuale d’obbligo EFA? Preciso che si tratta di arboricoltura da legno che all’epoca era al 15^ anno ed il produttore usufruiva dell’indennizzo per mancato reddito come seminativo di imprenditore agricolo(€\ha 700 annui per 20 anni).

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Fai clic qui per annullare la risposta.

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*