Campagna finanziaria Young 140

Pac: Comuni, banche e aeroporti dal 2018 sono considerati agricoltori attivi

Pac: Comuni, banche e aeroporti dal 2018 sono considerati agricoltori attivi

Dal 2015 al 2017 la normativa Pac comprendeva una cosiddetta “black list” che escludeva dai pagamenti diretti della Pac i seguenti soggetti: aeroporti, servizi ferroviari, impianti idrici, servizi immobiliari, terreni sportivi e aree ricreative, banche e finanziarie, società immobiliari e di assicurazione, pubblica amministrazione. Dal 1° gennaio 2018 questa black list è stata eliminata, quindi tutti i soggetti sopraindicati possono beneficiare dei pagamenti diretti.

La cancellazione della black list è stata inserita nel regolamento Omnibus del 4 aprile 2018, che contiene una serie di modifiche alla precedente normativa Pac.

Angelo Frascarelli, in un suo recente intervento su Terra e Vita, porta l’esempio di un Comune che sino al 2017 aveva terreni destinati al riposo ventennale e che ora sono liberi. Nel 2018 il Comune non dispone di titoli, ma può fare domanda Pac, ammesso che il Comune sia agricoltore attivo e quindi disponga di partita Iva agricola codice ATECO 01.

Il Comune in questione non può accedere alla riserva nazionale come fattispecie B “nuovo agricoltore”, in quanto svolgeva attività agricola da 20 anni e beneficiava del riposo ventennale dei terreni, ma può invece presentare la domanda di accesso alla riserva nazionale nella fattispecie C per gli ettari a riposo ventennale il cui impegno è scaduto. Infatti la fattispecie C prevede che possono presentare domanda di accesso alla riserva nazionale gli agricoltori che detengono:

  • superfici situate in zone classificate montane;
  • superfici soggette a programmi di ristrutturazione e sviluppo connessi a un intervento pubblico.

Il riposo ventennale rientra nelle superfici soggette a programmi di ristrutturazione e sviluppo.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Angelo Frascarellipac 2018

Articoli correlati

Boom del biologico: in 9 anni crescita senza sosta a doppia cifra e forti incentivi dai PSR

I consumatori ci credono e gli agricoltori rispondono. Il mercato totale del biologico vale 4.310 milioni di euro, con una crescita

Eredità terreni agricoli: chi ha diritto alla terra e chi alla Pac

Un nostro lettore della Sicilia ci ha posto un quesito su un’eredità di terreni agricoli, che riteniamo frequente nelle campagne

Zucchero, a ottobre si apre la liberalizzazione in Europa. La barbabietola risorgerà in Italia?

Nel 2006, anno della riforma del settore bieticolo, l’Italia produceva 1.557.443 tonnellate di quota zucchero, mentre oggi la quota è attestata

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*