Pac, greening: la diversificazione delle colture è obbligatoria solo dai 10 ettari in su

by Roberto Bartolini | Gennaio 30, 2017 11:06 am

Alcuni nostri lettori ci hanno chiesto di ritornare a specificare le regole del greening e in particolare l’aspetto legato alla diversificazione delle colture. Lo facciamo volentieri in questo articolo.

La nuova Pac, accanto al pagamento di base, prevede un pagamento aggiuntivo chiamato “greening”, che comporta alcuni impegni da rispettare e in particolare la presenza di più colture. In dettaglio ecco come si devono comportare gli agricoltori:

Quando non si applica la diversificazione delle colture

La diversificazione delle colture non si applica in quattro casi:

  1. Con superfici a seminativo inferiori ai 10 ettari.
  2. Nelle aziende i cui seminativi sono utilizzati per più del 75% per la produzione di erba o altre piante erbacee da foraggio e per i terreni lasciati a riposo.
  3. Nelle aziende la cui superficie è costituita per più del 75% da prato permanente utilizzato per la produzione di erba o altre piante da foraggio o per la coltivazione del riso.
  4. Nelle aziende che coltivano frutteti, oliveti e vigneti.

Le sanzioni per il 2017 per chi non rispetta il greening

Dal 2017 chi non rispetta le regole del greening, oltre a perdere questo pagamento, avrà una decurtazione pari al 20% del pagamento di base e di eventuali altri pagamenti.

Source URL: http://www.ilnuovoagricoltore.it/pac-greening-la-diversificazione-delle-colture-e-obbligatoria-solo-dai-10-ettari-in-su/