Parmigiano Reggiano: introdotti nuovi vincoli al disciplinare di produzione

Parmigiano Reggiano: introdotti nuovi vincoli al disciplinare di produzione

Nuovi vincoli approvati a larga maggioranza dall’assemblea dei caseifici del Parmigiano Reggiano, per una maggiore difesa della qualità di un formaggio unico al mondo che tuttavia in certi periodi passa momenti di crisi non molto giustificati.

I nuovi vincoli riguardano innanzitutto lo stop al “va e vieni” di nuove bovine provenienti da fuori comprensorio e dall’estero, oltre che da altre filiere produttive. Si tratta di un fenomeno ricorrente che portava ad aumenti imprevisti dei quantitativi di latte e che si verificava tutte le volte che i prezzi del formaggio si impennavano. Le nuove bovine arrivate in stalla, scontata la quarantena, provocavano infatti aumenti consistenti della produzione di forme di Parmigiano Reggiano che, a catena, determinavano forti squilibri di mercato.

L’assemblea ha inoltre approvato altre tre modifiche:

  1. Lotta alle contraffazioni. Introduzione di nuovi parametri di controllo per identificare il prodotto non originale per quanto riguarda la provenienza del latte e l’uso di prodotti vietati, come per esempio gli insilati nell’alimentazione delle bovine.
  2. Freno al grasso nel latte. Restrizione sul rapporto grasso/caseina al momento della produzione per assicurare il mantenimento della qualità.
  3. Sul formaggio porzionato vi sarà l’indicazione dell’età della stagionatura.

Dunque i caseifici hanno fatto una scelta che vuole premiare i produttori che legano le loro sorti economiche esclusivamente all’andamento del Parmigiano Reggiano, senza ricorrere a forme di business speculativo che provocano soltanto un crollo dei prezzi di un formaggio che non ha eguali nel mondo.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Parmigiano Reggiano

Articoli correlati

Ecco perché i prossimi cinque anni sono decisivi per la sopravvivenza delle aziende agricole

L’Europa ci ha messo cinque anni per delineare le linee di sviluppo per l’agricoltura nei prossimi cinque anni, ma gran parte di

Pac post 2020: i pagamenti diretti non si toccano, ma arrivano nuovi sistemi di calcolo

Una cosa è certa: la Commissione europea ha affermato che i pagamenti diretti rimarranno al centro della prossima Pac 2021-2027,

Mais e orzo: facciamo due conti e valutiamo la redditività con Pac e Psr e pagando l’affitto

In questi giorni gli agricoltori si affannano a capirci qualcosa su come gireranno i conti nel 2016 e negli anni

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*