Roberto Bartolini10 Dicembre 20203min1390

Se l’UE ha promosso il vaccino anti-Covid, deve anche togliere il veto alle piante biotech

biotech

Tutti pronti per iniettarsi i vaccini contro il Covid-19? Lo sapete che ci inoculeremo, almeno con i primi che arrivano, un pezzo di RNA messaggero che ordinerà al nostro patrimonio genetico di produrre la famosa proteina che annienta il virus? Detta molto semplicemente, diventeremo un po’ biotech anche noi umani, compresi quelli che da anni combattono l’ingegneria genetica applicata alle colture, e non solo quella ormai sorpassata degli ogm, ma anche la nuova frontiera della cisgenesi e della genome editing, recentemente premiata con il Nobel.

Chissà, per esempio, se anche la presidente di Federbio Maria Grazia Mammuccini, la quale ha affermato che «il mondo del bio ribadisce di escludere dai propri sistemi di produzione non solo gli ogm, ma anche i prodotti derivanti dalle nuove biotecnologie», per doverosa coerenza rifiuterà di assumere anche i vaccini anti-Covid?

Sarebbe opportuno che, senza perdere altro tempo, in sede Ue e poi anche dalle parti del nostro traballante governo (ma poi ne sanno qualcosa di agricoltura e di piante biotech, in consiglio dei ministri e in parlamento?) qualcuno ponesse seriamente la questione: festeggiamo la scienza che ci salva dalla pandemia, ma allo stesso tempo rifiutiamo la scienza se ci permette di rendere una pianta resistente alla siccità o ai parassiti, oppure in grado di farle produrre in maggior quantità o in diversa proporzione sostanze importanti per la nostra salute?

A questo punto occorre davvero fare un bel salto culturale anche in campo agricolo, per consentire ai nostri agricoltori di utilizzare finalmente quelle innovazioni genetiche che possono aumentare in maniera considerevole la redditività delle coltivazioni. Di tutte le coltivazioni, sia le convenzionali che le biologiche, a patto che i suoi sostenitori si tolgano una buona volta la benda dagli occhi.

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati


Chi siamo

Nato nel 2014, Il Nuovo Agricoltore è un portale informativo dedicato all’agricoltura, con un occhio di riguardo alle innovazioni tecnologiche. Il progetto è sviluppato da Kverneland Group Italia.


CONTATTACI