Campagna finanziaria Kverneland

Sul terreno arato, molti attrezzi agricoli deludono: il motivo è nella scelta sbagliata

Sul terreno arato, molti attrezzi agricoli deludono: il motivo è nella scelta sbagliata

Girando le campagne, in molti casi sentiamo dire: «Ho usato quel nuovo coltivatore al posto dell’erpice rotante per affinare le zolle dopo l’aratura ed è venuto fuori un pessimo lavoro. Mai più cambiare la strada vecchia per la nuova!». E tutte le volte che approfondiamo per capire cosa è successo e quale attrezzo è stato utilizzato, ci troviamo puntualmente di fronte a una scelta sbagliata, a un errore di interpretazione dell’agricoltore. Ogni attrezzo è infatti stato progettato e costruito per fare un certo lavoro e questo particolare va sempre considerato prima di entrare in campo.

I coltivatori da minima lavorazione non vanno usati su terreno arato

Tanto per fare un esempio, Qualidisc, CLC e CTC sono attrezzi da minima lavorazione di Kverneland ormai diffusissimi in ogni regione. Il primo porta due file di dischi e termina con un rullo di diversa foggia, il secondo e il terzo abbinano file di ancore a dischiere. Ma attenzione: questi attrezzi sono stati costruiti per sostituire l’aratro ed effettuare una minima lavorazione con organi di lavoro non mossi dalla presa di forza, direttamente su terreni coperti da malerbe, residui colturali oppure cover crops.

Coltivatore Kverneland CLC in azione su terreno argilloso coperto da residui colturali, malerbe e con la presenza di profonde ormaie. In queste condizioni l’attrezzatura prepara un ottimo letto di semina con uno o due passaggi.

Kverneland Qualidisc all’opera in provincia di Rovigo su terreno tenace molto infestato. L’attrezzo può operare direttamente anche su cover crops molto sviluppate e preparare il letto di semina al posto dell’aratro.

Se anziché su terreni non ancora “toccati” dall’agricoltore dopo la raccolta di frumenti, soia, mais, girasole, colza o sorgo vengono usati sulle zolle prodotte dall’aratro, il risultato è davvero deludente. Il motivo è semplice: non è l’attrezzo che ha lavorato male, ma è l’agricoltore che ha sbagliato a farlo lavorare in una condizione per la quale non è stato costruito.

Dopo l’aratura, l’attrezzo giusto è il coltivatore Kverneland Turbo

Se dopo aratura non si vuole usare l’erpice, che sappiamo bene quanto sia dispendioso e dannoso per il suolo e l’ambiente, l’attrezzo giusto è il nuovo Kverneland Turbo, un coltivatore molto versatile e ideale per qualsiasi operazione, che può rimpiazzare altre macchine più dispendiose con una notevole riduzione dei costi.

Il coltivatore Kverneland Turbo nella nuova versione.

Kverneland Turbo è l’attrezzo ideale per preparare il letto di semina dopo aratura al posto del dispendioso erpice rotante.

Kverneland Turbo è stato progettato in una forma molto compatta e adatta per trattori anche di bassa potenza. Questo è il motivo per cui i denti sono su quattro file e su cinque file nel modello trainato. Per renderlo il più compatto possibile, la prima e l’ultima fila sono state situate direttamente sul telaio.

La distanza tra le file varia dai 510 mm ai 900 mm per consentire un corretto flusso del terreno da una fila all’altra. I denti sono poi seguiti da una fila di denti livellatori che assicurano la chiusura dei solchi lasciata dall’ultima fila di denti.

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
Kvernelandminima lavorazione

Articoli correlati

Qualidisc Farmer, l’erpice che riduce il compattamento

Il Qualidisc Farmer è un nuovo modello di erpice a dischi, portato, con larghezza di lavoro da 3 a 4

I residui colturali sono una risorsa importante, ma vanno trattati con attrezzature ben progettate

In questi ultimi anni tantissimi agricoltori stanno finalmente rivalutando i benefici dei residui colturali, che aumentano la dotazione di sostanza

Gli amanti dell’aratura si meriterebbero una PAC dimezzata

Sono anni che predichiamo di abbandonare le lavorazioni profonde del terreno, che hanno provocato danni incalcolabili alla struttura fisica e

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*