Trinciato di mais: attenzione all’apertura del rompigranella

Trinciato di mais: attenzione all’apertura del rompigranella

Le regolazioni della falciatrinciacaricatrice sono responsabili della minore o maggiore qualità di un insilato di mais in relazione alla lunghezza di taglio effettuato sul foraggio e al grado di rottura della granella di mais. Il grado di apertura e il differenziale di velocità periferica del dispositivo rompigranella variano la loro efficacia in relazione alla lunghezza teorica di taglio.

Un insilato di alta qualità deve avere una lunghezza teorica di taglio maggiore di 19 mm e un grado di rottura della granella non inferiore al 50% e valori ottimali attorno al 70%. L’aumento della lunghezza di taglio in combinazione con l’attività del rompigranella sembra aumentare le prestazioni dell’animale rispetto all’assenza di rompigranella. In particolare, l’introduzione di un dispositivo come il rompigranella aumenta la qualità dell’insilato perché ottimizza la fermentazione dell’amido nel silo e riduce le perdite di sostanza secca durante il processo di conservazione.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
insilatomais

Articoli correlati

Vicon Extra 600/800, falciacondizionatrici a dischi trainate e portate

Vicon Extra 800 Le falciacondizionatrici trainate Vicon Extra Pro 824/828/832/835 sono equipaggiate con una barra di taglio Extra caratterizzata da

Sei un bravo allevatore? Verificalo con un test di 10 domande

I costi di una stalla da latte sono imputabili per il 50% all’alimentazione. E a parità di spesa, si possono avere

Un accorgimento per distribuire l’unifeed in mangiatoia

Da uno studio effettuato dall’Università di Padova sulla distribuzione in mangiatoia dell’unifeed, emerge che all’inizio dello scarico la sostanza secca

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*