Spandiconcime Kverneland

Un’idea geniale: lavorazione a strip-till, semina e distribuzione digestato in un solo passaggio

Un imprenditore agricolo ha avuto un’idea geniale: lavorazione a strip-till, semina e distribuzione digestato in un solo passaggio. Giampiero Aroldi di Agrievo ha infatti abbinato il Kverneland Kultistrip (macchina per la lavorazione a strisce o “strip-till”) a una seminatrice Rau di vecchia data per una “scommessa”, cioè lavorare il terreno a strisce, seminare e interrare i digestati in un solo passaggio. Un sistema che si è dimostrato vincente soprattutto per i secondi raccolti, quando il tempo è sempre tiranno.

In questa intervista, Aroldi ci spiega i particolari agronomici e i vantaggi di questo cantiere assolutamente innovativo. Clicca sul tasto “play” nel video qui sopra per ascoltare questa straordinaria idea!

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
AgrievoGiampiero AroldiKvernelandstrip-till

Articoli correlati

Diserbo e micotossine: come comportarsi passando dall’aratura alla minima lavorazione

Tanti agricoltori, perplessi nell’abbandonare l’aratura per rivolgersi alle minime lavorazioni, pongono soprattutto due problemi: Le infestanti aumentano senza l’interramento dei

Corretta miscelazione delle stoppie e taglio perfetto: l’erpice Qualidisc sui terreni aridi

La corretta miscelazione delle stoppie è una delle principali regole per un’efficace conservazione del terreno e delle sue caratteristiche. Inoltre, consentire

Aumentare la sostanza organica con le cover crops: il progetto Coprob e CarlaImport per le aree bieticole

Le cover crops, o colture di copertura, sono note da tempo (leggi il nostro approfondimento), ma solo in questi ultimi

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*