Agricoltura biologica, il rame si salverà dall’assurda minaccia di venire messo al bando in Europa?

by Roberto Bartolini | Luglio 27, 2017 12:16 pm

Sui fitosanitari a base di rame pende la spada di Damocle di una recente decisione della Commissione europea, secondo la quale entro il 31 gennaio 2018 potrebbe scadere l’approvazione di tutti i prodotti di difesa a base di rame. Ma è possibile fare biologico senza rame? La risposta è no: non ci sono prodotti che lo possano sostituire. Al limite si può forse pensare, ma non si sa con quali conseguenze, di ridurne le dosi di impiego, che oggi sono di 6 kg/ha l’anno di principio attivo.

Ma perché i legislatori hanno messo il rame sotto accusa? Perché dicono che si tratta di un elemento poco mobile che tende ad accumularsi negli strati superficiali dei suoli.

Alcuni organismi internazionali stanno già lavorando per scongiurare la messa al bando del rame, e speriamo che vengano ascoltati dai burocrati europei. Inoltre, alcuni osservatori ritengono che i prodotti a base di rame possano ottenere una nuova approvazione quasi certamente con quantitativi annui più bassi degli attuali, per esempio 4 kg/ha di principio attivo al posto dei 6.

Rimane il fatto che la lotta ad alcune patologie non può prescindere dal rame, e visto il successo del biologico sul mercato, non è proprio il caso di frenarne la crescita.

Source URL: https://www.ilnuovoagricoltore.it/agricoltura-biologica-il-rame-si-salvera-dallassurda-minaccia-di-venire-messo-al-bando-in-europa/