Agricoltura: con la soia a 35 euro, si incassano 900 euro/ettaro se si fanno le scelte giuste

Soia Pioneer PR21M10: con alto contenuto proteico e molto ricercata dalle filiere alimentari che producono per il consumo umano, si tratta di una pianta molto sana, con un alto potenziale produttivo, e che predilige alte densità di semina e spazi di interfila ridotti.
Soia Pioneer P21T45: appartiene a una nuova generazione di varietà con ottima resistenza all’allettamento e attitudine a ramificare con un elevatissimo potenziale produttivo.

Sono le due varietà scelte da Luciano Lanza, imprenditore agricolo di Roverbella (Mantova). La prima è stata seminata su 9,5 ettari, il 26 giugno in seconda coltura dopo frumento, a 55 piante/mq e interfila 45 cm; la seconda è stata seminata su 2,5 ettari, il 10 maggio in prima coltura per rispettare le EFA del greening.

Come si vede dal video qui sopra, la tecnica colturale azzeccata e le frequenti irrigazioni stanno dando i loro frutti, nonostante l’annata non proprio ottimale. «Se non ci saranno intoppi – dice Lanza – penso che anche quest’anno potrò arrivare almeno a 50 ql/ha, visto che in altre annate ho prodotto anche 65 ql/ha. Il prezzo attuale della soia è sui 35 euro/ql. Non è quello che mi aspettavo; tuttavia con un costo di coltivazione attorno ai 950 euro/ha dovrei riuscire a portare a casa altrettanto. Il risultato economico quindi non è certamente negativo».

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
Luciano Lanzasoia

Related Articles

Le Colombaie: messo in campo il Kverneland Kultistrip per preparare 100 ettari a mais nel 2016

Marino Pasotti, proprietario della società agricola Le Colombaie di Visano (Brescia), oltre alla minima lavorazione con il coltivatore CLC di Kverneland

Il CTC, coltivatore veloce e preciso che fa risparmiare tempo e denaro

Marco Speziali, contoterzista di Roncoferraro (Mantova) (lo abbiamo già intervistato in questo articolo), ci spiega perché e come il preparatore trainato

La minima lavorazione parte bene alla Corte Parolara. Ora tocca ai sistemi di precisione

Nessun calo di produzione Quali sono stati i risultati produttivi di quest’anno? «Sui 6,35 ettari dove applichiamo la misura 10

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment