Agrofarmaci, cambiano le regole sul Registro dei trattamenti fitosanitari

Agrofarmaci, cambiano le regole sul Registro dei trattamenti fitosanitari

Con l’entrata in vigore del decreto legislativo che rende operativa la direttiva europea n. 128 sull’uso sostenibile degli agrofarmaci, in Italia cambiano alcune regole sul Registro aziendale dei trattamenti fitosanitari.

Che cos’è il Registro dei trattamenti fitosanitari

Il Registro dei trattamenti fitosanitari è un modulo aziendale che riporta cronologicamente l’elenco dei trattamenti eseguiti sulle diverse colture. Devono essere annotati tutti i trattamenti effettuati con prodotti classificati molto tossici ( T+), tossici ( T), nocivi (Xn), irritanti ( Xi) o non classificati (nc) entro il periodo della raccolta della coltura e non oltre 30 giorni dall’esecuzione del trattamento stesso.

Nota importante: Il Registro dei trattamenti fitosanitari non va visto solo come un adempimento burocratico oggetto di controllo, bensì come uno strumento tecnico indispensabile per l’agricoltore al fine di dimostrare una corretta e sostenibile difesa fitosanitaria a garanzia della salute del consumatore e delle qualità delle produzioni, che devono essere esenti da residui. Inoltre, con il registro si ha la possibilità di “tracciare” le produzioni agricole a beneficio delle filiere agroalimentari.

Regole del Registro dei trattamenti fitosanitari

Il registro va conservato per almeno tre anni successivi a quello a cui si riferiscono le annotazioni. Può essere compilato dall’utilizzatore se diverso dal titolare dell’azienda, ma il titolare lo dovrà comunque sottoscrivere alla fine dell’anno.

Se il trattamento è effettuato da un contoterzista, il registro va compilato dal titolare dell’azienda allegando l’apposito modulo rilasciato dal contoterzista per ogni singolo intervento. In alternativa il contoterzista può annotare i singoli interventi direttamente sul registro dell’azienda controfirmando ogni intervento effettuato.

Nel caso di cooperative che acquistano agrofarmaci e fanno i trattamenti per conto dei soci, il registro può essere tenuto presso la sede della cooperativa.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
agrofarmaciRegistro trattamenti fitosanitari

Related Articles

Frumento: occorre combattere le resistenze ai graminicidi con interventi di pre-emergenza

Scagliola sterile (Phalaris paradoxa), Avena selvatica (Avena sterilis) e Loglio rigido (Lolium rigidum) sono le infestanti che hanno sviluppato negli

Azoto su frumento duro: quando concimare e con quali prodotti

L’azoto apportato al frumento, in dosi e in epoche differenti, può modificare in maniera molto significativa sia la resa sia

Azoto su mais: sostenibilità e rilascio graduale con Azotop 30 in copertura

Le piogge di metà maggio sono state le benvenute per attivare l’azoto in copertura distribuito sul mais della Kverneland Academy

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment