Redazione Nuovo Agricoltore21 Gennaio 20218min3690

Come affrontare la crescita demografica e lo sviluppo economico nel 2050

crescita-demografica

Questo articolo esaminerà il collegamento tra crescita demografica e crescita economica. La crescita della popolazione aiuta il processo di sviluppo in certi modi, ma lo ostacola in altri modi. Ciò è dovuto all’intricata, complicata e interconnessa relazione tra crescita della popolazione e crescita economica. Positivamente n aumento della popolazione è un aumento del numero di lavoratori, un elemento essenziale della produzione. La crescita dell’offerta di manodopera e della popolazione ha costituito un importante fattore di crescita in tutto il passato. Va notato che il lavoro umano, sostenuto con diritti e strumenti, è sempre stato il bene più produttivo di tutte le nazioni. In breve, ho trovato queste informazioni da blog l’insider che sto condividendo con voi attraverso questo articolo.

Aumento della popolazione

Una popolazione in aumento comporta un aumento della produzione. Tuttavia, “significa anche più persone la cui produzione deve essere divisa. L’impatto dell’aumento della popolazione sulla produzione pro-capite di una società dipende dai modelli di crescita della popolazione e dalla sua struttura istituzionale (organizzativa). Inoltre, dipende dalla composizione che il popolo ha. Secondo Gill, “Se, ad esempio, la crescita della popolazione è correlata all’alto tasso di fertilità e all’aumento del numero di bambini rispetto alla popolazione adulta, il numero di consumatori aumenterà più rapidamente del numero di produttori. La dipendenza che ne risulterà per i membri attivi della società sarà maggiore e l’impatto potrebbe essere negativo. Tuttavia, supponiamo che vi sia un aumento dell’aspettativa di vita, che prolunga gli anni produttivi dei dipendenti di questa società. In tal caso, la questione di un maggiore onere della dipendenza potrebbe essere, nella migliore delle ipotesi, parzialmente attenuata”.

In questo caso, si possono considerare i due punti seguenti:

  1. Il modello di spesa riflette la distribuzione dell’età. Una popolazione che invecchia, che ha un numero crescente di persone anziane, richiede un maggior numero di oggetti associati alla vecchiaia e, a sua volta, meno associati ai più giovani. Ciò può causare problemi, soprattutto perché la forza lavoro non può adattarsi con l’invecchiamento della popolazione.
  2. Come evidenziato nella ricerca pubblicata sul blog del casinò online di Betway, Mentre gli individui più anziani potrebbero beneficiare di anni di esperienza, sono anche molto probabilmente non così energici e imprenditoriali. Inoltre, con l’invecchiamento della popolazione, i giovani potrebbero attendere più a lungo per raggiungere posizioni di responsabilità, con un conseguente impatto negativo.

Naturalmente, qualsiasi affermazione che gli individui più giovani sono migliori al loro lavoro è soggetta a critiche (soprattutto da parte dei loro genitori). Ma, non c’è dubbio sull’idea che sono più flessibili e più capaci di essere addestrati per nuove carriere. L’aumento della popolazione giovanile porterà un maggior numero di laureati che potranno iniziare a lavorare in industrie dove la manodopera è più necessaria. Pertanto, i costi e le difficoltà nel trasporto di lavoratori tra diverse industrie sono evitati.

La capacità dei lavoratori di spostarsi facilmente da un luogo di lavoro all’altro è definita mobilità della manodopera. Ciò è fondamentale in economie come quelle dell’India che devono essere in grado di rispondere ai cambiamenti della domanda nel mercato interno e alle richieste e alla concorrenza internazionali.

  1. La produzione è influenzata dall’età del lavoratore. È certamente possibile creare più beni e servizi e raggiungere un più alto standard di vita quando il più della popolazione si trova nella fascia di età lavorativa – tra la dispersione scolastica e l’età pensionabile che costituirà la maggior parte della forza lavoro della nazione.

Se una parte più alta della popolazione è a scuola o in pensione o a scuola, la spesa per l’istruzione o le pensioni è condivisa da coloro che guadagnano e lavorano. Se il tasso di crescita della popolazione è certamente significativo, altri due fattori dovrebbero essere presi in considerazione nell’analisi della questione della pressione sulla popolazione nei PMS. Il primo è la densità di popolazione relativa alle risorse naturali, e il secondo è la tecnologia.

Aumento della popolazione in una zona geografica soggetta a restrizioni

Generalmente, crea una tensione significativa sulle dotazioni dei fattori esistenti, in particolare le risorse naturali nella comunità. Inoltre, se una società non può ricostituire il proprio stock di capitale, potrebbe essere necessario sostituire il lavoro con il capitale. In questo caso, è probabile che la funzione di produzione mostri la legge dei rendimenti in calo. Ciò si verifica se la variabile è lavoro e il capitale è una variabile fissa. La diminuzione dei rendimenti potrebbe essere un problema se la popolazione cresce rapidamente e non vi è praticamente alcun aumento, o perlomeno solo un leggero aumento, del numero di risorse naturali (terreni) e di manufatti (prodotti di capitale). Tuttavia, il progresso tecnologico altera le leggi sulla terra in una certa misura, almeno per un breve periodo.

Analisi del problema

Nell’analizzare il problema della popolazione dei PMS è importante tenere traccia del numero di base della popolazione. La sua popolazione di base è vitale perché influenza la dimensione complessiva dell’economia. Questo è importante per l’efficacia dell’industrializzazione perché le dimensioni ridotte del mercato di solito impediscono il progresso nel paese.

Una popolazione in aumento implica un aumento della domanda di molti prodotti e servizi, e riconosciamo che il campo di applicazione limita la divisione del lavoro che il mercato è. Un mercato in crescita può incoraggiare gli imprenditori a investire maggiormente in beni e attrezzature. Le imprese cresceranno nel processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati


Chi siamo

Nato nel 2014, Il Nuovo Agricoltore è un portale informativo dedicato all’agricoltura, con un occhio di riguardo alle innovazioni tecnologiche. Il progetto è sviluppato da Kverneland Group Italia.


CONTATTACI