Lopinto: ”Con Geospread una concimazione perfetta, omogenea e senza sprechi”

Lopinto: ”Con Geospread una concimazione perfetta, omogenea e senza sprechi”

Francesco Saverio Lopinto nella sua masseria di Melfi in Basilicata è un agricoltore innovatore da parecchi anni; basti pensare che da vent’anni adotta la semina su sodo, avendo constatato un progressivo aumento della sostanza organica dei suoi terreni e quindi della capacità produttiva degli stessi, con benefici riflessi sulle produzioni cerealicole aziendali.

Lo scorso anno Lopinto ha acquistato lo spandiconcime Kverneland GEOSPREAD Exacta CL (vedi articolo precedente) per intraprendere un percorso di agricoltura di precisione basata sulla mappatura dei suoli e sulla creazione di mappe di prescrizione, per effettuare la distribuzione dell’azoto a dosi variabili.

Francesco Saverio Lopinto (il secondo da sinistra) insieme ad alcuni agricoltori intervenuti alla dimostrazione in campo dello spandiconcime Kverneland GEOSPREAD Exacta CL.

Lopinto, partiamo dai risultati produttivi 2019, visto che per il frumento in generale non è stata un’annata favorevole…

«A differenza di alcuni colleghi, sono molto soddisfatto della mia produzione di grano da seme, di varietà Gibraltar, che ha raggiunto i 63 ql/ha. Un risultato che conferma la validità della semina su sodo, dell’alternanza che effettuo sui terreni tra leguminose e cereali e anche dell’utilizzo mirato dell’azoto reso finalmente possibile dal GEOSPREAD».

Le sue impressioni sullo spandiconcime dopo un anno di lavoro?

«In questo primo anno ho sfruttato esclusivamente le sue eccezionali prerogative nella precisione di distribuzione, omogenea in ogni punto dell’appezzamento, della dose prestabilita e nell’evitare sovrapposizioni di spandimento dove è già stata effettuata la concimazione oppure distribuzioni inutili e dannose in capezzagna. Con le semine autunnali del frumento, dopo aver mappato con la società Agrisoing qualche decina di ettari, effettuerò anche la distribuzione in copertura dell’azoto a dose variabile tramite mappe di prescrizione».

L’attrezzatura di Agrisoing per eseguire la mappatura dei suoli.

GEOSPREAD è una novità per questa area e lei ha pensato di mostrare questa attrezzatura anche a colleghi e tecnici.

«Insieme alla professoressa Paola D’Antonio dell’Università della Basilicata, a metà settembre abbiamo organizzato una giornata in campo presso la mia azienda proprio per condividere con i colleghi e con i tecnici l’utilità di questa attrezzatura e dimostrare sul campo le caratteristiche del GEOSPREAD, che è protagonista di un progetto di sperimentazione dell’università che andrà avanti anche per il prossimo anno. Ho mostrato come si comporta GEOSPREAD collegato al satellitare in differenti situazioni operative, sia in prossimità di strade e capezzagne chiudendo la distribuzione del concime, sia in corrispondenza di campi a sezione irregolare con l’apertura e la chiusura automatica delle sezioni di distribuzione. L’attrezzatura ha destato molto interesse e spero che venga adottata da altre aziende, perché ritengo che sia un passo avanti decisivo per contenere i costi, dosare come meglio non si potrebbe le dosi di concime e anche limitare l’impatto ambientale e gli sprechi di prodotto».

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Kvernelandmacchine agricolespandiconcime

Articoli correlati

“Cereali, bisogna avere il coraggio di innovare o i conti non tornano”

«Mi sono sempre occupato di agricoltura e, dopo decenni di incarichi pubblici, torno alla terra per sporcarmi di nuovo le

Tanti diversi schemi di semina, precisione e robustezza: è Optima V

«Anche a distanza di pochi chilometri le caratteristiche del suolo possono cambiare in maniera radicale, passando dal pesante con prevalenza di

Mais: con la semina a dose variabile si producono 13 quintali/ettaro in più

124,26 contro 111,20 quintali all’ettaro di granella al 14% di umidità: questo il verdetto della trebbiatura del mais Dekalb DKC

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*