Ludwig, il frumento foraggero per la vacca da latte: Alberto Braghin (Cerealtecnica)

L’intervento di Alberto Braghin (Cerealtecnica) al Kverneland Studio’s in occasione dell’EIMA 2014. Argomento: Ludwig, il frumento foraggero per la vacca da latte.

In particolare, Braghin tratta di:

  • Cos’è il Ludwig
  • Un ottimo sostituto del silomais
  • Anche per un secondo raccolto?
  • Il Ludwig è adatto al Sud Italia?
  • Un frumento collaudato anche per il sodo

Clicca sul player qui sopra per avviare il video.


Tags assigned to this article:
Alberto BraghinCerealtecnicafrumento foraggero

Related Articles

Semina mais a dose variabile: come si imposta la mappa di prescrizione

Nell’azienda di Daniele Pavan a Buttrio (Udine), Kverneland Group Italia, Dekalb e Sipcam hanno deciso di realizzare due campi dimostrativi,

”La minima lavorazione è un successo agronomico ed economico”

È curioso e di mentalità aperta, non fa l’agricoltore di professione, ma una volta ereditati dal padre i 40 ettari

L’erpice Qualidisc sulle cover crops Viterra e nella preparazione del terreno per il mais

In occasione della giornata dedicata alle cover crops della linea Viterra organizzata lo scorso 27 aprile da Carla Import e

2 comments

Write a comment
  1. luca
    luca 18 Marzo, 2015, 15:01

    Buongiorno dott.Bartolini, il frumento ludwig dunque può sostituire completamente il silomais nell’alimentazione della vacca da latte? quand’è l’epoca di raccolta per trinciarlo? invece, l’epoca di raccolta per affienarlo o fasciarlo? è possibile coltivare il frumento ludwig per due anni di fila? cordiali saluti

    Reply this comment
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini 23 Marzo, 2015, 16:54

      Il frumento Ludwig, nelle numerose applicazioni aziendali effettuate già da alcuni anni, dimostra di poter sostituire egregiamente il silomais. L’epoca di raccolta per insilato o fasciato è sempre la stessa e si colloca nella terza decade di maggio, con la maturazione lattea della granella. Per quanto riguarda la coltivazione di Ludwig due anni di fila, dal punto di vostra strettamente agronomico non è una scelta opportuna, dal momento che stiamo consigliando il ritorno della rotazione che rimane la strada tecnicamente ed economicamente più giusta. Poi ognuno fa le sue scelte!

      Reply this comment

Write a Comment