Mais, un ottimo apparato radicale con la minima lavorazione

Mais, un ottimo apparato radicale con la minima lavorazione

Non c’è paragone tra la struttura e l’espansione dell’apparato radicale del mais seminato su minima lavorazione (con il coltivatore CLC di Kverneland) e l’apparato radicale delle piante di mais nate dopo la lavorazione tradizionale, cioè aratura ed erpicatura.

Alessandro Rossi mostra l’apparato radicale di una pianta di mais su minima lavorazione (a sinistra) a confronto con l’apparato radicale, più ridotto, della pianta di mais su aratura ed erpicatura (a destra).

Alessandro Rossi mostra l’apparato radicale di una pianta di mais su minima lavorazione (a sinistra) a confronto con l’apparato radicale, più ridotto, della pianta di mais su aratura ed erpicatura (a destra).

La foto qui sopra è stata scattata nel PAG (Progetto Agronomico Globale) allestito da Kverneland Group Italia nell’azienda agricola di Alessandro Rossi a Castiglione delle Stiviere (Mantova), dove oltre al frumento Ludwig (vedi articolo precedente) sono stati seminati mais e soia in primo raccolto.

Con la minima lavorazione eseguita dal coltivatore CLC di Kverneland su residui colturali di sorgo e la semina con Kverneland Accord Optima HD, il mais ha trovato la situazione ideale per rapide e perfette emergenze, grazie a un terreno ben strutturato e con la giusta dose di umidità.

Il risultato è che il mais, con le lavorazioni minime, si avvantaggia di un apparato radicale molto espanso e ben conformato, che lo metterà nelle migliori condizioni possibili per assorbire acqua e nutrienti e non subire gli effetti negativi dovuti agli stress.

Nel PAG di Rossi è stato seminato il nuovo ibrido Pioneer P 2088 con la concia a base di Sonido di BayerCropScience, un insetticida sistemico di nuova generazione che controlla i danni degli elateridi proteggendo le piantine sino allo stadio di 6-8 foglie a garanzia del corretto investimento.

Il concime speciale con azoto stabilizzato One 45 distribuito in copertura.

Il concime speciale con azoto stabilizzato One 45 distribuito in copertura.

Per la concimazione, alla distribuzione di 250 kg/ha di BF mix di Agrium (18-9-27) in pre semina, è seguita la distribuzione di One 46 di Agrium alla dose di 400 kg/ha in copertura. L’attrezzatura usata è lo spandiconcime Vicon (leggi l’articolo che abbiamo dedicato a questa macchina).

Per il controllo delle infestanti è stato usato il diserbante Adengo di BayerCropScience (alla dose di 2 l/ha) in post emergenza precoce, che contiene l’esclusiva tecnologia fitoprotettiva CSI contro gli stress da erbicidi, un antidoto che stimola nel mais i naturali processi di detossificazione nelle prime e delicate fasi di crescita.

Infine, la distribuzione del diserbo è stata effettuata con l’esclusiva botte Kverneland iXter con tecnologia Isobus (leggi questo e questo articolo in merito).

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.



Related Articles

Frumento: aratura ed erpicatura contro semina su minima, ecco quanto si risparmia

Su un terreno mediamente argilloso in provincia di Brescia, dove è stato raccolto mais da trinciato, abbiamo messo a confronto

Semina su sodo: meno gasolio, più carbonio organico e terreno sano

In un precedente articolo abbiamo sintetizzato i risultati positivi sulla vitalità e fertilità del terreno a seguito dell’adozione della semina

Grano tenero, 7 anni di confronto tra aratura e minima lavorazione

Confronto tra minima lavorazione a 15 cm di profondità e aratura a 30 cm di profondità, per sette anni su

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment