Roberto Bartolini28 Febbraio 20222min38110

Meno 50% di agrofarmaci, il nuovo regolamento entro marzo

riduzione-agrofarmaci

L’Unione europea ha stabilito nella strategia “Farm to Fork” che entro il 2030 dovrà essere ridotto del 50% l’uso degli agrofarmaci, e così è in preparazione un nuovo regolamento vincolante per tuti gli Stati membri. Le nuove norme che tutti gli agricoltori sono obbligati a rispettare puntano ai seguenti obiettivi:

  • Ridurre l’uso delle sostanze attive più pericolose
  • Aumentare l’applicazione della lotta integrata e l’uso di alternative non chimiche
  • Promuovere l’uso di nuove attrezzature e dell’agricoltura di precisione

Il nuovo regolamento significa un deciso cambio di passo rispetto all’attuale registro dei trattamenti. Prima di tutto agricoltori e contoterzisti dovranno dotarsi, nel caso non ne fossero già in possesso, di irroratrici di moderna concezione capaci di garantire tutti i più recenti standard di sicurezza oltre che di precisione nella distribuzione degli agrofarmaci e nella pulizia delle botti a fine corsa. Inoltre saranno obbligati a tenere un registro elettronico di tutti i trattamenti effettuati campo per campo, con la tracciabilità totale delle operazioni effettuate indicando tipo di prodotti utilizzati, dosi per ettaro, colture trattate e tempi di applicazione. Dunque anche le irroratrici dovranno essere 100% ISOBUS, collegate a sistemi satellitari e di precisione oltre che di software in grado di memorizzare ed inviare al computer aziendale tutte le informazioni di ciò che è stato fatto in campo.

Ancora una volta, come accadrà con la nuova Pac, si chiede all’imprenditore agricolo un livello di conoscenze e di professionalità certamente più elevato di quello attuale, indispensabile per poter rimanere sul mercato.

 

 

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati


Chi siamo

Nato nel 2014, Il Nuovo Agricoltore è un portale informativo dedicato all’agricoltura, con un occhio di riguardo alle innovazioni tecnologiche. Il progetto è sviluppato da Kverneland Group Italia.


CONTATTACI