Pac 2023, quale sarà il valore dei nuovi titoli

titoli-pac-2023

Nella nuova Pac 2023-2027 ci sarà solo il ricalcolo dei titoli presenti nel registro titoli 2022, senza alcun legame sulla superficie. È stato fissato un tetto ai titoli di 2.000 euro dal 2023 nonché una diminuzione graduale dal 2023 al 2026 dei titoli di valore più elevato della media nazionale (che è 172 euro circa), ma con una perdita massima del 30%.

Dunque dal gennaio 2023 un titolo, per esempio, del valore di 30.000 euro viene immediatamente ricondotto a 2.000 euro, dopodiché si applica al valore di 2.000 euro la convergenza che porta ai seguenti risultati: 1.880 euro nel 2023, 1.736 euro nel 2024, 1.536 euro nel 2025 e 1.400 euro nel 2026.

I titoli di valore di 200 euro, essendo superiori alla media nazionale (172 euro), subiscono anch’essi una riduzione graduale, mentre un titolo per esempio di 120 euro subisce un aumento sino al raggiungimento del valore medio nazionale.

Il caso di un agricoltore senza titoli

Se nel 2023 un agricoltore si trova senza titoli, può accedere alla Riserva Nazionale se possiede i requisiti previsti.
Se l’agricoltore inizia l’attività nel 2023 è “nuovo agricoltore” quindi come accade già oggi, può accedere alla Riserva Nazionale titoli.
Ricordiamo che l’accesso alla Riserva Nazionale è consentito una sola volta per ogni agricoltore.

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


4 commenti

  • Michele

    7 Luglio 2022 at 8:13 pm

    Ma perché non eliminarli i titoli , prendi tot. per ettaro a livello nazionale e basta? Risolviamo tutto e semplifichiamo che di questi tempi non fa’ mai male

    Rispondi

    • Felice Lo Furno

      24 Luglio 2022 at 7:24 pm

      perchè così chi si è arricchito con le truffe non potrebbe continuare a incassare il frutto delle furberie….con il premio disaccoppiato prevedere importi differenziati non ha alcun senso logico….

      Rispondi

    • Micaela

      6 Agosto 2022 at 2:03 am

      Perché è tropo semplice e poi si sono troppi interessi…nei altri paesi eu come la Romania ce questa sistema che dici tu.

      Rispondi

  • Giovanni Gio

    9 Luglio 2022 at 4:06 pm

    IO LA PENSO COME MICHELE, AVREI ELIMINATO I TITOLI, AVREI DATO UNA CERTA SOMMA PER ETTARO AD OGNI AZIENDA. .. ALMENO OGNI AGRICOLTORE SA QUANTO DOVREBBE INCASSARE OGNI ANNO.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati


Chi siamo

Nato nel 2014, Il Nuovo Agricoltore è un portale informativo dedicato all’agricoltura, con un occhio di riguardo alle innovazioni tecnologiche. Il progetto è sviluppato da Kverneland Group Italia.


CONTATTACI