Campagna finanziaria Young 140

Accordo Mipaaf-Abi-Regioni per agevolare gli investimenti nell’ambito dei PSR

Accordo Mipaaf-Abi-Regioni per agevolare gli investimenti nell’ambito dei PSR

Il Mipaaf, attraverso l’Abi (Associazione bancaria italiana) ha promosso un accordo volontario che le Regioni possono recepire per facilitare l’accesso ai finanziamenti dei PSR.

La prima regione che si è mossa in questa direzione è il Piemonte, che ha approvato uno schema di accordo che prevede che le banche facilitino l’accesso al credito dei beneficiari già in possesso di un provvedimento di concessione di contributo a valere sui PSR, a fronte di investimenti da realizzare nella propria azienda, concedendo un finanziamento bancario di importo pari al massimo al 100% delle spese relative all’investimento, previa disposizione irrevocabile da parte del beneficiario che l’erogazione del contributo in conto capitale a fondo perduto avvenga su “Conto vincolato” acceso presso la banca finanziatrice.

Altri due punti importanti:

  1. La cessione del credito del contributo a fondo perduto sulla banca a decurtazione del finanziamento, che in questo modo si può ridurre sino al 50% dell’importo iniziale.
  2. Il rimborso del residuo debito in base al piano di rientro concordato con decurtazione annuale calcolata in base alla durata del finanziamento. Le scadenze delle rate potranno essere modulate tenendo conto del ciclo produttivo dell’impresa finanziata.

Ora ci auguriamo che altre regioni seguano l’esempio del Piemonte.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
PSR 2015-2020PSR Piemonte

Articoli correlati

Come si determina la ”coltura diversificante” per la domanda Pac

Il regolamento comunitario 639/2014 sancisce che, ai fini dei pagamenti diretti Pac, se in un’azienda agricola ci sono più colture

Il mais ogm non è pericoloso per la salute: è il verdetto di 21 anni di ricerche

Ci volevano tutta la pazienza e la professionalità di un pool di ricercatori della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di

Nuova Pac, a chi serve la ricognizione preventiva: tre casi

La ricognizione preventiva serve per individuare i potenziali beneficiari dei nuovi titoli che vengono assegnati dalla nuova Pac. Agea ha predisposto

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*