Attenzione alle micotossine nel silomais

Attenzione alle micotossine nel silomais

La presenza di micotossine nel silomais, oltre che alterare la funzionalità del rumine, determina un cattivo assorbimento a livello intestinale cui consegue una minore disponibilità di nutrienti essenziali per l’attività immunitaria.

Lo sviluppo delle micotossine in campo è favorito da stress che la coltura può aver subito per carenza idrica, danni meccanici (grandine, parassiti), elevate escursioni termiche o elevata umidità, ma anche ridotta acidificazione durante lo stoccaggio ed eccessiva umidità degli alimenti nella massa conservata. Anche il momento della raccolta ha la sua importanza, perché si riscontra una maggiore concentrazione di micotossine al crescere della sostanza secca, causa il più difficile compattamento nel silo cui fa seguito una maggiore presenza di ossigeno che favorisce la crescita fungina.

Nei casi in cui è manifesta la presenza di micotossine nell’insilato, si possono somministrare specifiche molecole in grado di detossificare le micotossine impedendo quindi il loro assorbimento da parte dell’animale. Tali sostanze vanno impiegate in funzione alle tossine considerate. Si tratta di sostanze adsorbenti come alluminosilicati, montmorillonite, zeolite, sepiolite; e quelle più recenti sono molecole organiche quali i glucani, ma nati polisaccaridi ottenuti da pareri cellulari di microrganismi.

L’allevatore deve monitorare con attenzione il suo silomais per verificare la eventuale presenza di micotossine.

L’allevatore deve monitorare con attenzione il suo silomais per verificare la eventuale presenza di micotossine.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
micotossine

Articoli correlati

Trinciato di mais: attenzione all’apertura del rompigranella

Le regolazioni della falciatrinciacaricatrice sono responsabili della minore o maggiore qualità di un insilato di mais in relazione alla lunghezza

Latte: su 80 allevamenti, 36 sono in perdita. Un decalogo per la gestione della stalla

Sono 80 gli allevamenti utilizzati come campione dal Sata (Servizio di assistenza tecnica agli allevamenti) per il progetto economia, al fine di mettere

Biogas, mais e trinciatura: quando i conti non tornano

La corsa alla costruzione di impianti di biogas da 1 megawatt, anche da parte di chi ha poca terra e

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*