Roberto Bartolini23 Febbraio 20242min69263

BCAA 8, sul 4% di seminativi riposo, azotofissatrici o cover crops

bcaa8

L’impegno della BCAA 8 di lasciare il 4% della superficie occupata dai seminativi a riposo oppure a elementi caratteristici del paesaggio scatta dal 2024, ma è stata modificata da un recente regolamento UE. In pratica il 4% può essere impiegato in tre modi:

  1. Superfici con elementi non produttivi (riposo, siepi, fasce tampone, cappezzagne, fossi, eccetera);
  2. Colture azotofissatrici (erba medica, soia, fave, lenticchie, piselli, eccetera);
  3. Colture intercalari o cover crops (senape, rafano, favino da sovescio, eccetera).

Nei casi 2 e 3 si possono considerare valide anche colture già seminate, come per esempio erba medica, senape, eccetera.

Non si possono usare agrofarmaci

Per le azotofissatrici e le intercalari si applica il fattore di ponderazione 1 (precedentemente era stato stabilito 0,3), quindi un ettaro di soia o di medica o di senape corrisponde a un ettaro di superficie destinata a elementi non produttivi, rispondendo così all’obbligo della BCAA 8.

Queste nuove regole valgono solo per il 2024 e danno la possibilità agli agricoltori di coltivare tutta la superficie, ma sulle colture azotofissatrici e sulle intercalari non si possono utilizzare agrofarmaci e questo pone forti limitazioni operative.

La BCAA 8 non si applica alle aziende con superficie a seminativo inferiore ai 10 ettari e se si coltiva più del 75% della superficie per la produzione di erba, foraggi, prati permanenti e colture sommerse.

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


3 commenti

  • Luca

    23 Febbraio 2024 at 4:16 pm

    Buongiorno, per gli anni a venire cosa viene confermato?
    Grazie

    Rispondi

  • Ernesto santilli

    24 Febbraio 2024 at 8:50 am

    Sono nella confusione più totale ,io voglio solo lavorare per poter vivere ,basta con queste bizzarrie burocratiche fuori da ogni logica umana

    Rispondi

  • Giancarlo

    24 Febbraio 2024 at 1:56 pm

    Tutte queste regole sono esagerate. L agronomia di insegna da sempre che una corretta rotazione colturale fa di una buona agricoltura. L uso dei fitofarmaci sono assolutamente ponderati

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati


Chi siamo

Nato nel 2014, Il Nuovo Agricoltore è un portale informativo dedicato all’agricoltura, con un occhio di riguardo alle innovazioni tecnologiche. Il progetto è sviluppato da Kverneland Group Italia.


CONTATTACI