Gianni Sposato15 Gennaio 20245min13121

Diserbo mais, addio al Metolachlor. Quali alternative?

DISERBO MAIS ALTERNATIVE METOLACHLOR

Sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea del 12 dicembre 2023 è stato pubblicato il regolamento sul mancato rinnovo alla vendita e all’uso della sostanza attiva S-Metolachlor. In base al regolamento, la vendita e l’acquisto dei prodotti commerciali a base di S-Metolachlor sono consentiti sino al 23 aprile 2024, mentre l’uso in campo sulle colture è permesso sino al 23 luglio 2024. Questa decisione dell’Ue deve è stata recepita dal nostro paese attraverso la pubblicazione di un decreto sulla Gazzetta ufficiale italiana, che ha stabilito la data finale dell’acquisto il 14 giugno 2024, lasciando il permesso di uso in campo fino al 23 luglio.

Per quest’anno le strategie di diserbo non cambieranno, ma occorre già pensare alle alternative da usare quando l’S-Metolachlor sparirà dal mercato, tenendo anche conto del fatto che ci sono limitazioni anche per la Terbutilazina che si utilizza su tutta la superficie aziendale ma che si può riproporre, sullo stesso appezzamento, solo dopo tre anni. Pertanto, per poterla usare tutti gli anni, è consigliabile utilizzare la Terbutilazina solo sul 30% della superficie (N.B. la dose massima di Terbutilazina è di 850 grammi per ettaro).

Le alternative di Syngenta e Bayer

Le multinazionali della chimica si sono già preparate al post-Metolachlor. Per esempio Syngenta, che perderà il Lumax, ha rispolverato il p.a. Dimethenamide e porta sul mercato già da quest’anno il Lumestra Pack, composto da Encarit (Dimethenamide-p) e Calisto 480 (a base di Mesotrione) in differenti formati che consentono di trattare un ettaro e tre ettari per il controllo delle infestanti annuali a foglie strette e larghe del mais.

Invece Bayer ha una soluzione vincente e già collaudata per trattamenti sul mais sia in pre-emergenza che in post-emergenza fino alla terza foglia del mais: si tratta di Adengo Xtra, a base di Isoxaflutole, Thiencarbazone -Methhyl e Cyprosulfamide come antidoto agronomico. Un’ulteriore alternativa può essere il Merlin Flex, che mostra la sua efficacia soprattutto contro le infestanti a foglia larga e che, in abbinamento con Aspect, aumenta lo spettro di azione. Tuttavia, Merlin Flex è condizionato dalle limitazioni imposte alla Terbutilazina, che come detto, si può usare al massimo sul 30% della superficie a mais.

Entrambe le soluzioni Bayer sono efficaci contro le infestanti a foglia larga e stretta.

Quando intervenire in post-emergenza

In diversi casi, per il diserbo del mais si dovrà intervenire in post-emergenza per controllare le graminacee nate da rizoma. Infatti, in base alla mia esperienza, la sorghetta nata da seme è già stata controllata dall’S-Metolachlor, che è uno dei migliori antigerminello, cioè impedisce ai semi di germinare.

La sorghetta nata dal rizoma, che non può essere controllata dai graminicidi distribuiti in pre-emergenza.

Se il problema dovesse essere questo, cioè controllare le graminacee nate dopo il trattamento di pre-emergenza, si possono usare diversi prodotti commerciali che hanno come principio attivo Rinosulfuron, Nicosulfuron, Foramsulfuron e altri. Nei terreni con presenza anche di infestanti a foglie larghe come Chenopodium album (Farinello), Solanum nigrum (Erba morella), Abutilon Theophrasti (Cencio molle) e Amaranthus Retroflexus (Amaranto), sarà necessario aggiungere prodotti specifici per controllarle adeguatamente.

Infestanti a foglie larghe del mais. Da in alto a sinistra, in senso orario: Farinello, Erba morella, Cencio molle, Amaranto.

Un’ultima raccomandazione: controllare sempre la miscibilità tra i prodotti che si usano in miscela.

Gianni Sposato

Laureato in agraria all’Università di Bologna, ha svolto attività di assistenza tecnica e commerciale presso importanti società sementiere e aziende cooperative. Oggi è consulente di alcune imprese agricole lombarde e venete.


Un commento

  • Michele

    15 Gennaio 2024 at 11:03 am

    Buongiorno,

    C’è un errore, Merlin Flexx non contiene terbutilazina. Forse si riferiva al formulato Merlin Platinum.
    Saluti

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà pubblicato I campi obbligatori sono contrassegnati


Chi siamo

Nato nel 2014, Il Nuovo Agricoltore è un portale informativo dedicato all’agricoltura, con un occhio di riguardo alle innovazioni tecnologiche. Il progetto è sviluppato da Kverneland Group Italia.


CONTATTACI