Offerte macchine Kverneland

Espropri terreni agricoli: non fidatevi della composizione bonaria

Espropri terreni agricoli: non fidatevi della composizione bonaria

Nei prossimi anni in Italia saranno realizzate nuove infrastrutture per miliardi di euro e quindi gli agricoltori saranno chiamati in causa con le procedure di esproprio. Giangiacomo Salzi Braga sull’ultimo numero di Terra e Vita lancia un allarme accorato agli agricoltori: non accettate la composizione bonaria che le stesse organizzazioni agricole consigliano, perché è una soluzione che si basa su criteri di indennizzo molto discutibili, dove l’ente espropriante offre pochi spiccioli, anche se con un sollecito pagamento.

Per prima cosa cercare di mettersi insieme

Cosa fare allora? Sarzi Braga indica una via spesso percorribile. Un agricoltore soggetto a esproprio è in un vicolo cieco, ma se solidarizza con altri colleghi nelle sue stesse condizioni, nei guai potrebbe finire la società espropriante. Infatti, se gli agricoltori tutti insieme attivano un contenzioso giudiziario, a non dormire sonni tranquilli sono i dirigenti della società espropriante, perché non sanno come la faccenda possa andare a finire.

Danni ingenti all’impresa da non sottovalutare

Un imprenditore agricolo non può subire passivamente l’esproprio e il degrado della sua impresa, dal momento che lo scorporo fondiario può modificare in maniera negativa non solo la superficie produttiva, ma anche il capitale agrario, la potenzialità e i tempi di lavoro, l’economicità degli investimenti, mettendo in discussione anche le opportunità di crescita futura.
Dunque una impresa agraria che non può crescere come dovrebbe fa più fatica a mantenersi concorrenziale e può essere più soggetta a decadimento reddituale, ed è per questo che l’indennizzo “bonario” è poca cosa nei confronti dei danni, presenti e futuri, che l’impresa può subire.

Occorrono consulenti di provata professionalità

L’agricoltore o gli agricoltori insieme devono allora rivolgersi a un consulente agronomo di esperienza, per l’attivazione di un contenzioso tecnico-economico (collegio tecnico arbitrale) che metta in evidenza l’entità reale dei danni correlati all’esproprio e allo scorporo fondiario, per ottenere un indennizzo che rappresenti davvero un serio ristoro, patrimoniale e finanziario, ai danni sofferti.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
esprorio terreni agricoli

Articoli correlati

Il loietto può ‘aggirare’ il greening. A patto che…

Gabriele Chiodini, esperto di Pac dell’Università di Perugia, pone un caso molto interessante per gli agricoltori della Pianura Padana, assai

Aiuti Ismea: rifinanziato il pacchetto per il primo insediamento dei giovani agricoltori

Deliberati i criteri per l’attuazione di un nuovo regime di aiuto a fine 2015, si attende a breve la pubblicazione

Greening: il periodo per determinare due o tre colture

Una percentuale dei pagamenti diretti della nuova Pac viene concessa solo se l’agricoltore adotta alcune pratiche sostenibili inserite nella misura

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*