Mais, diserbo vincente con meccanica più chimica

Mais, diserbo vincente con meccanica più chimica

La direttiva 128 sull’uso sostenibile degli agrofarmaci attraverso i PAN (Piani di Azione Nazionali) vuole limitare gli effetti delle pratiche di difesa agronomiche sull’ambiente e sulla salute, e quindi, nel caso del diserbo, è importante capire quali prodotti e quali strategie rispondono a queste esigenze.

L’Università di Torino e la Società Agricola 2000 nel 2014 hanno condotto una sperimentazione confrontando per il diserbo del mais le seguenti strategie:

  1. Diserbo di pre emergenza
  2. Diserbo di pre + post emergenza tardivo
  3. Diserbo di post emergenza
  4. Diserbo + lavorazioni meccaniche

Sono stati utilizzati diversi prodotti da soli e in miscela, e nei campi erano presenti infestazioni che comprendevano le principali specie come abutilon, amaranto, chenopodio, echinocloa, panico, poa, portulaca, setaria, eccetera.

Posizionamento degli interventi

Il campo di mais è stato seminato il 14 aprile e i trattamenti sono iniziati il giorno successivo:

  • Pre emergenza: 15 aprile
  • Post emergenza precoce: 7 maggio (stadio di 2° foglia)
  • Post emergenza tardivo: 15 maggio (stadio 5° foglia)

Diserbo di pre emergenza

Le varie miscele hanno presentato elevata efficacia sia contro le graminacee sia contro le dicotiledoni, anche grazie alle frequenti piogge cadute dopo il trattamento. Ecco i prodotti utilizzati:

  1. Dual Gold (1,5l/ha) + Merlin Flexx (2 l/ha) + Stomp Aqua (2 l/ha)
  2. Lumax (4,5 l/ha)
  3. Dual Gold (1,5 l/ha) + Merlin Flexx (2 l/ha) + Trek P (2 l/ha)
  4. Aspect (2,5 l/ha) + Merlin Flexx (2 l/ha)
  5. Camix (2,5 l/ha) + Stomp Aqua (1,3 l/ha)
  6. Dual Gold (1,5 l/ha) + Sulcogan (1,5 l/ha) + Challenge (2 l/ha)
  7. Adengo (2 l/ha)
  8. Primagram Gold (4,5 l/ha) + Sulcogan (1,5 l/ha)
  9. Dual Gold (1,5 l/ha) + Sulcogan (1,5 l/ha) + Trek P (3 l/ha)

Diserbo di pre emergenza + post emergenza

Gli ottimi risultati del pre emergenza hanno reso pressoché superfluo il trattamento in post, che comunque è stato effettuato dando eccellenti risultati. Ecco i prodotti utilizzati:

  1. Camix (2,5 l/ha) + Stomp Aqua (1,3 l/ha) + Ghibli (1,5 l/ha) + Mondak 21 S (0,8 l/ha)
  2. Primagram Gold (4,5 l/ha) + Ghibli (1,5 l/ha) + Mondak 21 S (0,8 l/ha)
  3. Aspect (2,5 l/ha) + Ghibli (1,5 l/ha) + Mondak 21 S (0,8 l/ha)
  4. Dual Gold (1,5 l/ha) + Sulcogan (1,5 l/ha) + Ghibli (1,5 l/ha) + Mondak 21 S (0,8 l/ha)
  5. Dual Gold (1,5 l/ha) + Merlin Flexx (2 l/ha) + Ghibli (1,5 l/ha) + Mondak 21 S (0,8 l/ha)

Diserbo di post emergenza

Gli interventi di post emergenza hanno mostrato una buona efficacia soprattutto entro i 30 giorni dopo l’applicazione. Ecco i prodotti utilizzati:

Post precoce

  1. Lumax (3,5 l/ha)
  2. Adengo (2 l/ha)
  3. Elumis (1 l/ha) + Dual Gold (1 l/ha)

Post precoce+ Post tardivo

  1. Camix (2 l/ha) + Ghibli (1 l/ha) + Mondak 21 S (0,8 l/ha)
  2. Adengo (2 l/ha) + Laudis (2 l/ha) + Mondak 21 S (0,8 l/ha)

Diserbo chimico + lavorazioni meccaniche

I risultati ottenuti con il diserbo di pre emergenza sulla fila con Lumax (4,5 l/ha), abbinato a due sarchiature, ha permesso un controllo ottimale delle infestanti con una riduzione del 70% del quantitativo di erbicidi impiegati rispetto al diserbo di pieno campo.

Bene anche l’intervento di pre emergenza con Lumax (3,5 l/ha) seguito da una sola sarchiatura, e anche i trattamenti di post emergenza precoce con Adengo (2 l/ha) e Lumax (3,5 l/ha) con una sarchiatura.

Risolutiva l’integrazione del mezzo meccanico con quello chimico nell’intervento effettuato in post con Lumax.

I soli interventi meccanici, senza l’ausilio del diserbo, non mostrano alcuna efficacia sulle infestanti.

Un po’ di conti

I costi medi della gestione delle malerbe del mais per le diverse strategie sono compresi tra 95 e 198 euro/ha. I costi inferiori (95 euro/ha) sono per il diserbo di pre emergenza e in quello di post precoce.

Le strategie di pre+ post emergenza (116 euro/ha) e quelle di diserbo chimico integrato alla sarchiatura interfila (129 euro/ha) fanno registrare un costo intermedio, mentre il costo più elevato si affronta per la gestione esclusivamente meccanica (198 euro/ha), che peraltro non mostra efficacia per il contenimento delle infestanti.

Per ottenere ottime rese dal mais non si può prescindere dagli interventi di diserbo chimico, scegliendo in maniera corretta prodotti, dosi ed epoche di intervento.

Per ottenere ottime rese dal mais non si può prescindere dagli interventi di diserbo chimico, scegliendo in maniera corretta prodotti, dosi ed epoche di intervento.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
diserbomais

Articoli correlati

Cos’è il glifosate, come sceglierlo e come impiegarlo correttamente

Il glifosate è stato scoperto nel 1970, è attivo su 125 specie di malerbe e viene utilizzato in 130 paesi

Spandiconcime di precisione: la tecnologia aiuta l’agricoltura

Così l’agronomo Roberto Bartolini introduceva il suo articolo “Spandiconcime, meglio puntare sui modelli a due dischi” pubblicato su Il Nuovo

Diserbo cereali, attenzione alle malerbe resistenti: meglio il trattamento di pre-emergenza

L’agricoltore da alcuni anni preferisce diserbare i cereali vernini in post emergenza, utilizzando i numerosi formulati in commercio. Tuttavia questa abitudine

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*