Offerta Botte Kverneland

Foraggi: anticipare il taglio e utilizzare cantieri di raccolta per ridurre il tempo di preappassimento

Foraggi: anticipare il taglio e utilizzare cantieri di raccolta per ridurre il tempo di preappassimento

Il latte di alta qualità si fa con foraggi aziendali con una elevata concentrazione di energia netta e di proteina. Ma come fare per ottenerlo? Abbinando l’anticipo del momento del taglio con la riduzione del periodo di preappassimento in campo.

Questo obiettivo non è semplice, perché anticipare il taglio significa avere più acqua da eliminare per unità di sostanza secca e quindi si complica un po’ il processo di essiccazione in campo. Ma il preappassimento in campo serve? «È indispensabile – dicono i prof. Borreani, Tabacco e Comino dell’Università di Torino sull’Informatore Agrario – perché migliora la fermentazione lattea, aumentando il contenuto in zuccheri solubili sulla sostanza secca e inibendo le fermentazioni negative come quella butirrica senza influenzare il valore del foraggio. Ma è essenziale portare a termine il preappassimento nel più breve tempo possibile, realizzando il cosiddetto insilamento in due giorni».

Il ruolo decisivo del cantiere in campo

Tra i fattori chiave per rendere veloce questo processo c’è la falciacondizionatrice. «Il condizionamento meccanico manifesta il suo effetto maggiore nella prima parte del processo di essiccazione – prosegue l’articolo – aumentando sino al 50% la perdita di acqua dall’erba e avvicinando la velocità di essiccazione degli steli a quella delle foglie».

La Vicon Extra 690 T Isobus garantisce una larghezza di lavoro di 9 metri con la combinazione di una falciacondizionatrice frontale portata Extra 632 FT da 3,20 metri e da due unità montate posteriormente da 3,20 metri ciascuna, adatte a qualsiasi trattore. Nonostante le dimensioni, ogni unità viene sollevata in modo indipendente da terra tramite comando dalla cabina del trattore.

«Uno dei segreti per ottenere un foraggio di alta qualità è utilizzare macchine che rispettino il foraggio e che operino con elevata capacità di lavoro: il guadagno anche solo di mezza giornata è fondamentale per sfruttare al meglio le piche finestre utili di lavoro senza che il meteo rovini i progetti dell’agricoltore», aggiungono Borreani, Tabacco e Comino. Ma cosa significa essere rapidi? «Occorre sfalciare in tempi brevi ampie superfici a foraggio: abbinando per esempio due o tre falciacondizionatrici si può operare su fronti di taglio anche di 9 metri, con capacità oraria che supera i 5-6 ha/ora».

La Vicon Extra 690 T può essere impostata per la formazione di tre andane singole, per effettuare lo spandimento a pieno campo, per raggruppare tre andane in una e per disporre le andane due a due.

Quando si passa da sei a due giorni di lavoro

Per lavorare su una superficie di 100 ettari con una falciacondizionatrice da 2,4 metri servono sei giorni di lavoro, mentre con una macchina tripla da 9 metri bastano due giorni! Un solo operatore può sfalciare anche 30 ettari in un giorno di lavoro e un secondo operatore può dedicarsi a spargimento e ranghinatura.

Costi di due cantieri a confronto

Riportiamo i numeri relativi a un cantiere di preappassimento con due diverse tipologie di falciancondizionatrice.

Cantiere con una falciacondizionatrice (su 38 ha)

  • Costi personale: 33,6 euro/ha
  • Costi macchine e gasolio: 44,4 euro/ha
  • Costo sostanza secca: 29,6 euro/t

Cantiere con due falciacondizionatrici (su 38 ha)

  • Costi personale: 27,9 euro/ha
  • Costi macchine e gasolio: 38,3 euro/ha
  • Costo sostanza secca: 25,8 euro/t
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Articoli correlati

Sei un bravo allevatore? Verificalo con un test di 10 domande

I costi di una stalla da latte sono imputabili per il 50% all’alimentazione. E a parità di spesa, si possono avere

Stalla da latte: bovini troppo grassi o troppo magri? Ce lo dice un sistema abbinato al robot di mungitura

Si chiama BCS, che in inglese vuol dire “Body Condition Score”, e non è altro che un sistema che valuta

Insilato di mais e medica sono il mix ideale se si vuole produrre latte di alta qualità

L’allevatore deve favorire avvicendamenti con specie vegetali che producano elevate quantità di proteine per ettaro, senza sottovalutare la necessaria produzione

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*