Glifosate salvo: rinnovata autorizzazione alla vendita per altri 5 anni (grazie alla Germania)

Glifosate salvo: rinnovata autorizzazione alla vendita per altri 5 anni (grazie alla Germania)

Mentre nelle precedenti riunioni la Germania si era sempre astenuta, nell’ultima riunione europea – quella decisiva per concedere o meno il rinnovo al via libera per la vendita del glifosate – i tedeschi hanno votato a favore e così l’erbicida più contestato del pianeta è salvo per alcuni anni ancora.

La Francia e l’Italia, insieme ad altri sette paesi, hanno votato nuovamente contro il rinnovo e il ministro alle politiche agricole Maurizio Martina ha rincarato la dose dichiarando che l’Italia cancellerà l’uso del glifosate entro il 2020. Sulla stessa onda si è espresso il premier francese Macron.

Staremo a vedere se queste promesse avranno un seguito; comunque almeno per le prossime tre campagne agrarie il glifosate si potrà vendere e utilizzare sulle superfici agricole, mentre resterà vietato nelle aree verdi come parchi e giardini, campi sportivi, aree di gioco, cortili, eccetera.

A proposito del cambio di rotta della Germania, questa volta a favore del glifosate, c’è chi legge questa mossa in chiave di puro business. Il glifosate infatti è la principale fonte di fatturato per Monsanto che, guarda caso, è stata appena acquistata proprio dalla tedesca Bayer.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
glifosateMaurizio MartinaMonsanto

Articoli correlati

Pac 2017, parte in grande stile la domanda grafica su supporto geospaziale

La circolare Agea n.18 del 20 aprile 2017 (da consultare nel sito Agea insieme alla circolare 33385 del 14 aprile

Come volete che sia la nuova Pac post 2020? Ecco cosa rispondono agricoltori e cittadini

In vista delle grandi manovre per la stesura delle nuove norme della Pac post 2020, è stata realizzata una vera

Agricoltori, dobbiamo difendere da soli il nostro lavoro e il nostro futuro. La politica pensa solo alle rendite di posizione

Se dobbiamo credere alla stampa, alla politica nazionale e alle organizzazioni agricole, il futuro dei nostri giovani è nell’agricoltura. Su cosa

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*