Record mondiale di velocità di semina: con Optima SX si fanno i 18 km/h

Record mondiale di velocità di semina: con Optima SX si fanno i 18 km/h

Nei giorni scorsi alla fiera Agritechnica di Hannover è stato presentato un rivoluzionario sistema di semina realizzato da Kverneland e chiamato SX, che verrà montato a partire dalla primavera 2018 sui telai delle seminatrici Optima TF profi e Optima V, per poter raggiungere velocità di semina mai viste prima di 18 km/ora, con una precisione assoluta.

Il nuovo sistema SX deposita il seme al suolo alla velocità di 70 km/ora con un espulsore rotativo in gomma capace di proteggere il seme di mais, bietola, girasole ecc così da rispettando la profondità e la quantità di seme prestabiliti.

Il nuovo sistema di semina SX per alte velocità ed estrema precisione.

Il particolare sistema di trasmissione del disco di semina fa sì che gli sforzi siano ridotti al minimo e la potenza necessaria per l’alimentazione di ogni elemento non necessiti di alcun generatore di corrente ausiliario.

La Optima SX può lavorare ad alte velocità anche in combinazione con la tecnologia Isobus e quindi con il Geocontrol e il Geoseed.

  • Con il Geocontrol e un collegamento GPS, ogni singolo elemento si disattiverà automaticamente e depositerà il seme solo dove è necessario, evitando così sovrapposizioni.
  • Il Geoseed invece assicura la gestione della deposizione del seme sia a file parallele che a diamante.
Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
AgritechnicaKvernelandseminatrici

Articoli correlati

Semina dei cereali vernini su sodo: come gestire al meglio il letto di semina col glifosate

La semina dei cereali vernini su terreno sodo deve prevedere una bonifica del terreno dalle infestanti con l’utilizzo del glifosate. Denis

Grano duro a contratto: un altro successo a Foggia con la coop Ecotorre e Divella

«A Torremaggiore non è mai esistito un progetto di filiera, e quando lo abbiamo proposto agli agricoltori, all’inizio erano scettici

L’industria della pasta investe sul grano italiano. Ora tocca agli agricoltori fare la propria parte

Lo abbiamo scritto tante volte, ma vale la pena ripeterlo ancora: il frumento tenero e duro italiano, da semplice commodity

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*