Il caso del dipendente dell’industria che vuole fare il piccolo agricoltore

Il caso del dipendente dell’industria che vuole fare il piccolo agricoltore

A volte il fascino della campagna batte forte alla porta di coloro che tutti i giorni vanno in ufficio da dipendenti, pur avendo un pezzetto di terra di proprietà. Facciamo il caso di una persona con meno di 40 anni che ha 3000 mq di vigneto e vorrebbe beneficiare dei contributi regionali per l’apertura di aziende agricole da parte dei giovani, impegnando almeno 104 giornate lavorative.
È un sogno possibile?

L’esperto Luciano Boanini dice che per poter beneficiare dei contributi per l’insediamento previsti dai nuovi Psr e/o dalla gestione Ismea è necessario che si configuri una figura professionale o di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto.

È vero che per le suddette figure il limite minimo di giornate è 104, cioè un terzo delle 312 giornate lavorative annue, ma se la persona è un dipendente e quindi percepisce uno stipendio, con solo 3000 mq di vigneto non riuscirà mai a soddisfare i requisiti richiesti dalla normativa di prevalenza 50% (ridotti a 25% in territorio montano o svantaggiato) dei fattori tempo e reddito.

Quindi, a queste condizioni beneficiare dei contributi è impossibile, a meno che non si lasci l’impiego e si investa ampliando il terreno coltivato per poter ricavare un reddito per vivere.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
PSR 2015-2020

Related Articles

Governo stanzia 70 milioni di euro all’agricoltura: tutti i dettagli dei sostegni

40 milioni di euro per il grano duro sino al 2022, ma anche 11 milioni di euro per il mais

Grano duro: sappiamo produrre qualità e finalmente c’è anche il prezzo

Piazza di Bologna. Estate 2019: il prezzo del grano duro è di 267 euro/t. Estate 2020: il prezzo del grano

Anomalie Pac: altre due assurde testimonianze di agricoltori

La scorsa settimana abbiamo raccontato la tremenda storia di un allevatore che, dopo cinque anni e decine di telefonate, non

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment