Campagna finanziaria Young 140

L’abbinamento annuale dei titoli agli ettari equivalenti per ricevere i pagamenti Pac

L’abbinamento annuale dei titoli agli ettari equivalenti per ricevere i pagamenti Pac

Un caso che si verifica con una certa frequenza in campagna è quello di un soggetto che possiede terra e titoli Pac, ma poi li cede a titolo di comodato d’uso gratuito al figlio o a un nipote che li inserisce nel suo fascicolo aziendale. Cosa succede in questo caso all’uno e all’altro soggetto?

Primo punto: per ricevere la Pac l’agricoltore deve abbinare ogni anno i titoli in suo possesso a un numero equivalente di ettari ammissibili. Il possesso di questa superficie ammissibile deve essere dimostrato per un solo giorno, e cioè il 15 maggio di ogni anno.

Quindi dopo il 15 maggio di ogni anno si possono tranquillamente trasferire la terra e i titoli con un contratto di comodato, senza perdere alcun diritto acquisito relativamente alla posizione Pac.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
titoli pac

Articoli correlati

Nuovo PSR Veneto, con l’ottimizzazione ambientale altri soldi per gli agricoltori virtuosi

Ottimizzazione ambientale delle tecniche agronomiche e irrigue. Si chiama così la una nuova misura, indicata con il numero 10.1.2 nel

Annullato un convegno sull’agricoltura di precisione: alla Fiera di Santa Lucia torna la “santa inquisizione”

Il mondo agricolo, e in particolar modo il settore dei seminativi, sta attraversando un periodo difficile in quanto le importazioni

Pac, certificato antimafia prorogato al 31 dicembre per le aziende con aiuti fino a 25mila euro

Nel decreto “Sicurezza” approvato nei giorni scorsi in Senato è stata introdotta la proroga al 31 dicembre 2019 dell’esonero dalla

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*