Legge di bilancio 2020, sette misure per sostenere l’agricoltura

Legge di bilancio 2020, sette misure per sostenere l’agricoltura

L’agricoltura torna di moda e nella legge di bilancio attira l’attenzione dei politici? Secondo il ministro Teresa Bellanova è proprio così, dal momento che il nostro settore ha ottenuto ben sette misure di finanziamento da 600 milioni di euro a favore degli imprenditori agricoli. Vediamo quali sono:

  1. Irpef. Confermato l’azzeramento dell’Irpef agricola per coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali.
  2. Cimice asiatica. Stanziati 80 milioni in tre anni per compensare i danni provocati dalla cimice attraverso un fondo di solidarietà.
  3. Giovani agricoltori. I giovani che aprono un’impresa agricola non pagheranno i contributi previdenziali per i primi due anni. Inoltre sono stati stanziati 44 milioni di euro per far nascere nuove giovani imprese e favorire le start up.
  4. Imprese femminili. Mutui a tasso zero per le donne imprenditrici agricole o che lo vogliono diventare.
  5. Innovazione e precisione. Trenta milioni per azzerare il costo delle garanzie per gli agricoltori che acquistano sistemi per l’agricoltura di precisione e la tracciabilità
  6. Filiera grano-pasta. Trenta milioni di euro in due anni per i contratti di coltivazione ai quali si aggiungono i 10 milioni di euro stanziati nel 2019.
  7. Semplificazione. Si tratta di un disegno di legge ancora un po’ avvolto dalle nebbie che ha per obiettivo la semplificazione burocratica.

A parte l’ultima misura, sulla quale riponiamo ben poca fiducia, con le altre sei misure qualche euro arriverà nei campi. Ma come sempre accade, si poteva far ben di più. Possibile che in Italia manchino sempre i soldi?

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
Teresa Bellanova

Articoli correlati

Il mais ogm non è pericoloso per la salute: è il verdetto di 21 anni di ricerche

Ci volevano tutta la pazienza e la professionalità di un pool di ricercatori della Scuola Superiore Sant’Anna e dell’Università di

Cosa deve fare un giovane agricoltore se subentra in un’azienda con titoli Pac molto bassi

Poniamo che un giovane agricoltore subentri in un’azienda agricola che ha bassi titoli Pac, attorno a 80 euro/ha. Il soggetto

Innovazione al servizio della redditività: toccatela con mano allo stand di Kverneland a Eima 2016

Dalle colonne di questo sito cerchiamo di fornirvi informazioni utili per il vostro lavoro sulla terra, convinti che solo usando

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*