DEKALB Smart Planting

Mais, è ufficiale: il reddito aumenta di 386 euro/ettaro con minima lavorazione e dose variabile di seme

Mais, è ufficiale: il reddito aumenta di 386 euro/ettaro con minima lavorazione e dose variabile di seme

Un’innovazione tecnico-agronomica serve e si diffonde se è conveniente sotto il profilo economico. La minima lavorazione del terreno abbinata all’agricoltura di precisione è l’innovazione più importante introdotta nei seminativi dall’avvento degli ibridi di mais, ma gli agricoltori hanno bisogno di dati e di cifre indiscutibili per convincersi a fare il grande salto. Eccoli.

Dati esclusivi e attendibili

Kverneland Academy, progetto varato nel 2018 in collaborazione con l’equipe del prof. Angelo Frascarelli dell’Università di Perugia, si è posta l’obiettivo di fornire un quadro finalmente chiaro sui benefici di queste due innovazioni agronomiche, mettendole a confronto con il percorso tradizionale che prevede aratura e successive erpicature (cioè quello che la maggior parte degli agricoltori continua a voler fare anche oggi, non considerando che solo l’innovazione può cambiare i connotati del conto economico che oggi non li soddisfa).

28 ettari di prove a confronto nel 2019

L’attività di campo 2019 è stata realizzata presso l’azienda Villagrossa di Casteldario (Mantova) su una superficie complessiva di 28 ettari suddivisi in 9 prove ripetute due volte, secondo quanto stabiliscono i canoni della sperimentazione ufficiale.

I partner tecnici del progetto

Oltre a Kverneland Group Italia, ideatrice del progetto, hanno collaborato in partnership Bayer, Dekalb, Scam e la ditta Speziali Antenore con l’agronomo Bruno Agazzani che ha eseguito tutte le operazioni colturali, rilevato i dati di ogni operazione e realizzato il coordinamento agronomico in accordo con i partner tecnici.

  • Bayer ha fornito Adengo Xtra e Roundup Platinum.
  • Dekalb ha fornito il mais DKC 5830.
  • Scam ha fornito i fertilizzanti Nutrigran Top S e Azotop 30.
  • La ditta Speziali ha utilizzato le seguenti attrezzature Kverneland: aratro Variomat 2500 S, erpice F 35, CTC, KULTISTRIP, seminatrice Optima TF Profi, botte iXter-iXtra e spandiconcime EXACTA GEOSPREAD TL.

Tre livelli di precisione e tre tecniche di lavorazione

Nel 2019 sono state applicati tre livelli di precisione a tre tecniche di lavorazione del suolo:

La novità 2019 è stata quella di inserire nel livello 1 la dose variabile di seme con dose fissa di concime e nel livello 2 la dose variabile del concime con dose fissa di seme, per valutare meglio l’incidenza di questi due mezzi tecnici sulla redditività finale.

La base di partenza è stata la mappatura dei 28 ettari di terreno con la società Agrisoing che ha fornito il dettaglio di tutte le analisi fisiche e chimiche per poter predisporre le mappe di prescrizione.

Come leggere i risultati delle diverse prove

Prima di leggere le tabelle riassuntive dei dati di confronto è opportuno considerare la seguente legenda:

  • TRADIZIONALE 0= aratura, erpicatura e senza agricoltura di precisione
  • TRADIZIONALE 1= guida automatica, dose variabile del seme e dose fissa del concime
  • TRADIZIONALE 2= guida automatica, dose variabile del concime e dose fissa del seme
  • MINIMA 0= minima lavorazione e senza agricoltura di precisione
  • MINIMA 1= guida automatica, dose variabile del seme e dose fissa del concime
  • MINIMA 2= guida automatica, dose variabile del concime e dose fissa del seme
  • STRIP 0= strip till con dose fissa di seme e concime
  • STRIP 1= guida automatica, dose variabile del seme e dose fissa del concime
  • STRIP 2= guida automatica, dose variabile del concime e dose fissa del seme

Come si vede dalla tabella in alto, le produzioni di granella sono mediamente basse a causa di eventi atmosferici come un’alluvione all’emergenza del mais e una grandinata in fioritura, che hanno penalizzato un mais di classe 500 seminato anche un po’ tardivamente.

Il prezzo della granella preso a riferimento per i calcoli è pari a 173 euro/tonnellata.

Come si nota, il ricavo più alto si è ottenuto con la minima lavorazione abbinata alla dose variabile di seme, seguita da aratura con dose variabile di seme e da strip till sempre con dose variabile di seme.

Ma se andiamo ad analizzare il reddito netto, quindi una volta dedotti tutti i costi, si vede come rimane vincente la minima lavorazione unita alla dose variabile di seme con 569 euro/ha, ma al secondo posto si piazza lo strip-till con 479 euro/ha di reddito e al terzo sempre lo strip-till con dose variabile del concime con 436 euro/ha di reddito netto, staccando nettamente le lavorazioni tradizionali anche se a queste si applica l’agricoltura di precisione.

Gli istogrammi azzurri a destra dell’immagine forniscono un quadro di insieme dei risultati, dal quale emerge che:

  1. L’agricoltura di precisione intesa come guida automatica, controllo delle sezioni nella distribuzione dei concimi e dose variabile di semente ma anche di concime, fornisce i risultati economici migliori.
  2. Anche se ci continua ad arare ed erpicare, applicare la dose variabile di seme e di concime conviene sempre rispetto a operazioni eseguite senza sistemi di precisione.
  3. La differenza di redditività tra minima lavorazione e dose variabile di seme rispetto all’aratura senza alcun sistema di precisione è pari a ben 386 euro/ha.

In un prossimo articolo analizzeremo le voci di costo che mettono in risalto il vantaggio garantito dalla minima lavorazione e dallo strip-till.

fonte: Kverneland Group Italia

Kverneland Italia

Kverneland Italia

Kverneland Group è una multinazionale leader nello sviluppo, nella produzione e nella distribuzione di macchine e servizi per l’agricoltura.


Tag assegnati a questo articolo:
Kverneland Group Academy

Articoli correlati

Costi e ricavi dell’agricoltura di precisione applicata al mais da granella 2019

Dopo un 2017/2018 dedicati al frumento foraggero e al mais da insilato, l’attività di sperimentazione in campo di Kverneland Group

L’idea: seminare oggi la cover Tillage Radish a 75 cm, per il terreno dove vegeterà il mais 2019

Se si farà il mais 2019 con interfila 75 cm, perché sprecare tanto seme di cover crops su tutta la

Tre anni di prove sullo strip-till: un’occasione mancata, perché le attrezzature non erano giuste

“Strip tillage su mais, eccellente sui suoli giusti”: è il titolo di un recente articolo pubblicato dall’Informatore Agrario e realizzato dagli

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*