Offerta Botte Kverneland

Pac, al via la domanda unica per i pagamenti 2017. Ecco le scadenze e alcune novità

Pac, al via la domanda unica per i pagamenti 2017. Ecco le scadenze e alcune novità

Sono state pubblicate tutte le disposizioni di Agea per preparare correttamente la domanda Pac 2017. Per chi vuole approfondire una materia sempre complessa come la Pac, segnaliamo di andare a leggere la circolare n. 14300 del 17 febbraio 2017 di Agea. Noi ne riassumiamo i contenuti qui di seguito.

La scadenza per presentare la domanda Pac 2017

I termini per la presentazione della domanda Pac 2017 sono fissati nel 15 maggio 2017. Le domande possono essere presentate con un ritardo di 25 giorni e quindi sino al 9 giugno 2017. In tal caso, l’importo al quale l’agricoltore avrebbe avuto diritto se avesse inoltrato la domanda in tempo utile viene decurtato dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo rispetto alla data del 15 maggio.

Le domande pervenute oltre il 9 giungo 2017 sono invece irricevibili.

I trasferimenti di titoli Pac possono essere eseguiti fino al 15 maggio 2017.

Il valore dei pagamenti Pac 2017

Per il 2017 il valore del pagamento greening si ottiene moltiplicando il valore dei titoli di ciascun agricoltore per il coefficiente 0,5098.

Facciamo un esempio: se un agricoltore possiede un titolo di valore medio pari a quello della Riserva Nazionale (219,21 euro), riceve un pagamento greening pari a 111,75 euro (cioè 219,21 x 0,5098). Se è giovane agricoltore, aggiunge anche questo pagamento specifico che è pari al 25% del pagamento di base, cioè 54,80 euro.

Titoli non utilizzati e soglia minima

I titoli Pac non utilizzati per due anni consecutivi vengono riversati nella Riserva Nazionale, quindi l’agricoltore li perde definitivamente.

Nel 2017 gli organismi pagatori non erogano aiuti Pac per importi inferiori a 300 euro per azienda, che è la nuova soglia minima per ricevere i pagamenti.

Accesso al “Fondo grano duro”

La domanda Pac 2017 contempla uno specifico quadro con la richiesta di aiuto al “Fondo grano duro” istituito dal decreto Mipaaf n.11000 del 2 novembre 2016 per le imprese che coltivano grano duro con contratti di filiera stipulati per tre anni.

La domanda grafica

Tanto per complicare ancora di più le cose, nel 2017 dovrebbe esserci la domanda grafica basata su strumenti geospaziali che hanno l’obiettivo di prevenire errori all’atto della dichiarazione delle superfici agricole da parte degli agricoltori, con il beneficio di controlli incrociati più rapidi e precisi.

Su questo aspetto invitiamo gli agricoltori a chiedere spiegazioni ai Caa, anche se dubitiamo fortemente che ci sia in giro qualcuno che abbia le idee chiare, dal momento che per fare la domanda grafica occorrono:

  • un modulo prestabilito in formato elettronico;
  • il materiale grafico attraverso un’applicazione software basata su un sistema di informazione geografica (SIG).

Ancora una volta dobbiamo fare affidamento sulla buona stella di ciascun agricoltore… e che la fortuna assista tutti!

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
pac 2017pagamenti pac

Articoli correlati

Norme incerte e inefficienza informatica di Agea: tre esempi che penalizzano gli agricoltori

Gli agricoltori italiani sono ormai ben consapevoli che devono garantire, oltre ai prodotti che ci servono per vivere, anche alcuni

Greening: il periodo per determinare due o tre colture

Una percentuale dei pagamenti diretti della nuova Pac viene concessa solo se l’agricoltore adotta alcune pratiche sostenibili inserite nella misura

Pac: quando vengono assegnati i titoli ai terreni che aderiscono al progetto di ritiro ventennale?

Su alcuni terreni agricoli è ancora attiva la misura F, denominata “Riposo ventennale dei seminativi”, che è stata varata tra

4 commenti

Scrivi un commento
  1. Giuseppe
    Giuseppe 9 maggio, 2017, 09:15

    Buongiorno, sono un “giovane” (35 anni) che si sta accingendo ad aprire una azienda agricola nella provincia di Belluno, prendendo in affitto dei terreni a pascolo/prato su cui il proprietario non richiede contributi. Non credo di riuscire ad aprire l’azienda entro il 15 maggio. Perdo ogni possibilità di richiedere i titoli per i terreni per il 2017?
    La ringrazio molto.
    Giuseppe

    Rispondi a questo commento
    • Roberto Bartolini
      Roberto Bartolini Autore 9 maggio, 2017, 12:57

      Buongiorno Giuseppe, il tempo c’è sino al 15 giugno, perché la data di termine è stata spostata. Speriamo che questo le permetta di avere più tempo per presentare domanda. Grazie per averci contattato!

      Rispondi a questo commento
      • Vincenzo
        Vincenzo 30 maggio, 2017, 09:20

        Qualcuno mi sa dire quando verra pagata la riserva nazionale domanda del 2016. Giovane e prima volta insediato. (Il caf mi ha detto che qualche giorno mi hanno assegnato i titoli).grazie

        Rispondi a questo commento
  2. mirella caiola
    mirella caiola 30 maggio, 2017, 18:18

    vorrei sapere come mai non mi sono arrivati i soldi del 2015 e 2016 che cosa è successo grazie.

    Rispondi a questo commento

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*