Pac: i requisiti di qualità e igiene del latte per ricevere gli aiuti accoppiati per i bovini

Pac: i requisiti di qualità e igiene del latte per ricevere gli aiuti accoppiati per i bovini

La circolare Agea n.211 del 19 aprile 2016 precisa quali sono i requisiti che deve avere il latte prodotto per l’ammissibilità delle domande Pac relative al premio accoppiato per i bovini da latte. La circolare Agea precisa che:

  • La media geometrica semplice sui dati delle analisi relative al tenore di cellule somatiche deve essere inferiore a 300.000/ml.
  • La media geometrica semplice per il tenore dei germi a 30°C deve essere inferiore a 40.000 unità/ml.
  • La media aritmetica semplice delle analisi relative al contenuto di proteine del latte deve risultare superiore a 3,35%.

È possibile accedere agli aiuti anche nel caso in cui uno solo dei tre parametri dovesse essere fuori dai limiti indicati. Questa deroga si applica alla condizione che il requisito fuori norma sia compreso tra i seguenti limiti:

  • Le cellule somatiche non possono superare la soglia di 400.000 unità/ml.
  • La carica batterica deve essere inferiore a 100.000 unità/ ml.
  • Il tasso di proteine deve risultare superiore al 3,2%.
Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tag assegnati a questo articolo:
mercato latte

Articoli correlati

Pac, perché il valore dei titoli diminuisce ogni anno? Per effetto del ”modello irlandese”

I tagli non finiscono mai e ogni anno coinvolgono anche il valore unitario dei titoli Pac assegnati a ciascun agricoltore.

I nostri giovani puntano sull’agricoltura: oltre 7000 nuove imprese nate nei primi nove mesi del 2016

Nell’agricoltura italiana c’è chi chiude, ma per fortuna c’è anche chi apre una nuova attività ed è un under 40. Le

No Mais: una misura molto discutibile nel nuovo PSR Friuli Venezia Giulia

Si chiama “Diversificazione colturale per la riduzione dell’impatto ambientale” ed è la sottomisura 10.1.4 del nuovo PSR Friuli Venezia Giulia,

Nessun commento

Scrivi un commento
Nessun commento Puoi essere il primo a commentare questo articolo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato.
I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori.*