Per tutte le irroratrici è obbligatorio far eseguire il controllo funzionale

Per tutte le irroratrici è obbligatorio far eseguire il controllo funzionale

La direttiva europea n. 128, che regolamenta l’uso sostenibile degli agrofarmaci, con l’articolo 8 introduce l’obbligo dei controlli funzionali periodici, della regolazione e della manutenzione delle attrezzature impiegate per la distribuzione di prodotti fitosanitari.

La scadenza è a novembre 2016

Tutte le irroratrici devono essere sottoposte a controllo nei centri prova autorizzati (gli elenchi si trovano presso gli assessorati all’agricoltura delle Regioni) entro il 26 novembre 2016, quindi manca meno di un anno scadenza e bisogna fare attenzione perché le sanzioni previste vanno da 500 a 2000 euro.

Per le successive ispezioni è invece stabilito un intervallo di 5 anni sino al 2020 e di 3 anni dopo il 2020.

Per quanto riguarda le attrezzature nuove acquistate dopo il 26 novembre 2011, il primo controllo funzionale è previsto entro 5 anni dalla data di acquisto.

Per le attrezzature utilizzate dai contoterzisti, il controllo deve avvenire ogni 2 anni ed entro 2 anni dall’acquisto.

Obbligo di manutenzione e regolazioni periodiche

La direttiva introduce anche l’obbligo di effettuare manutenzione e regolazione periodica delle irroratrici.

Per manutenzione si intende l’efficienza e la sicurezza della macchina con sostituzione delle parti usurate e la pulizia delle parti più delicate.

Presso un centro prova autorizzato si può invece eseguire la regolazione, che significa utilizzare il corretto volume di miscela da distribuire a seconda del trattamento da effettuare, in modo da garantirne la completa efficacia e il minimo rischio per l’ambiente.

Roberto Bartolini

Roberto Bartolini

Laureato in agraria all'Università di Bologna, giornalista professionista dal 1987, ha lavorato per 35 anni nel Gruppo Edagricole di Bologna, passando dal ruolo di redattore a quello direttore editoriale. Per oltre 15 anni è stato direttore responsabile del settimanale Terra e Vita. Oggi svolge attività di consulenza editoriale e agronomica, occupandosi di seminativi e di innovazione tecnologica.


Tags assigned to this article:
controllo irroratrici

Related Articles

Agricoltura biologica, il rame si salverà dall’assurda minaccia di venire messo al bando in Europa?

Sui fitosanitari a base di rame pende la spada di Damocle di una recente decisione della Commissione europea, secondo la

Spandiconcime colabrodo in Italia: è ora di investire, anziché spendere inutilmente sul trattore nuovo

Il mercato dei trattori sta riprendendo fiato e questo è un segnale preoccupante, perché significa che l’agricoltore ancora una volta

Mais zootecnico, il biocontrollo dell’Aspergillus con il suo nemico naturale

Le aflatossine del mais – ma solo per quello da granella, pastone e insilato destinato all’uso zootecnico – possono essere

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment